A- A+
Economia
Cosa sono le azioni FANG e perché vale la pena investirci su?

Vi sarà capitato di sentir dire piuttosto spesso che le azioni FANG sono quelle su cui vale la pena di investire i vostri capitali, dato che si tratta di investimenti sicuri su titoli destinati a crescere all’inverosimile. La verità però è, come sempre, ben più complessa e sfaccettata e le azioni FANG hanno i loro pro e i loro contro, e i loro andamenti sul mercato vanno seguiti e compresi. Chiunque si occupi di trading sa benissimo che questo mestiere è sempre fatto di incertezze, e che quelli che vendono formule magiche che garantiscono “guadagni sicuri” sono, in un modo o in un altro, quasi sempre degli imbonitori. Andiamo quindi a vedere cosa sono le azioni FANG, e quali sono le loro prospettive presenti e future sui mercati globali.

Cosa sono le azioni FANG

FANG è un acronimo formato dalle iniziali di Facebook, Amazon, Netflix e Google (FAANG se vi si aggiunge anche l’importantissima Apple). Queste quattro (cinque) aziende quotate sono diventate negli ultimi anni dei colossi di Internet, ciascuno nel suo corrispettivo settore d’appartenenza. Più in generale si tratta di alcune fra le più importanti aziende del settore tecnologico. Facebook (FB) domina i social media ed il settore delle comunicazioni digitali. Amazon (AMZN) è la regina incontrastata dei mercati online, degli e-commerce, e delle infrastrutture cloud. Netflix ha fatto un immenso salto in avanti nel settore del video on-demand e dello streaming. Google (GOOGL), oggi Alphabet Inc., è il signore assoluto dei motori di ricerca. Apple è il latore della rivoluzione dell’home computing e degli smartphone grazie al colossale monopolio degli iPhone.

Inutile spiegare perché chi ha investito in questi titoli azionistici al momento giusto abbia ottenuto guadagni eccezionali. Per capirci meglio, chiunque abbia avuto la scaltra idea di comprare azioni della Apple negli ultimi 5-6 anni ha potuto brindare a guadagni stellari grazie ai rialzi incredibili che queste azioni hanno subito. Ma la situazione è un pelo più complessa, e non è affatto detto che oggi investire sui titoli FANG sia altrettanto remunerativo che qualche anno fa.

I fattori di volatilità delle azioni FANG e FAANG

Fra il 2013 ed il 2018 le azioni FANG hanno avuto performance davvero strepitose, e sono cresciute in modo costante.

  • Facebook +267,47%
  • Amazon +456,94%
  • Netflix +694,07%
  • Google +146,24%

Tuttavia, questo dato rappresenta la somma (per lo più positiva) di questi ultimi 5 anni, e può indurre in confusione. Fra gennaio e ottobre 2018 infatti, questi titoli hanno iniziato a mostrare una certa stanchezza, e hanno addirittura perso parecchi punti:

  • Facebook -32,89%
  • Amazon -23,70%
  • Netflix -30,49%
  • Google -17,57%

I titoli FANG hanno riportato perdite da capogiro ultimamente, in buona parte per via delle difficoltà in cui navigano le cinque grandi aziende sopra riportate. C’è quindi da chiedersi se valga davvero ancora la pena di investire in questi titoli piuttosto che su altri che invece sembrano più promettenti come gli STARS.

Ma perché queste perdite? Come tutti gli altri titoli azionistici, i FANG risentono di fattori di volatilità che ne aumentano o diminuiscono il valore. Si può trattare sia di eventi di natura globale che coinvolgono il settore digitale in toto, o di altri eventi micro e macroscopici che riguardano, direttamente o indirettamente, i singoli colossi informatici. Ad esempio, il titolo di Google è sceso per via della trasformazione del marketing digitale. Lo spostarsi progressivamente dei marketers dai canali di pubblicizzazione che fanno uso di Google, ovvero il cosiddetto Pay Per Click (PPC), verso altre forme di marketing online (i social in primis), ha portato alla riduzione del costo per click. Ovviamente, la risultante preoccupazione degli investitori ha portato ad una riduzione del valore del titolo azionistico. In altre circostanze, anche eventi come la progressiva demonizzazione dei social, indicati più o meno legittimamente come causa di ogni male della nostra società sta portando alla riduzione dei titoli di Facebook.

articolo sponsorizzato 2
 

Tirando le somme

E’ indubbio che, nonostante le relative flessioni che hanno subito, i cinque colossi del digitale non stiano rischiando di chiudere baracca e burattini né oggi, e né domani. Ma se non è il caso di cominciare a pensare che la miniera d’oro si stia davvero iniziando ad esaurire, è altrettanto vero che negli ultimi mesi questi titoli hanno perso parecchio rispetto agli anni precedenti. In altre parole, fatta eccezione per Netflix, i titoli FANG e FAANG sembrano non essere più la roccaforte investitoria che avevano rappresentato fino ad ora, ed è il caso di considerarli un investimento come tanti altri, ovvero non esente da rischi.

 

Commenti
    Tags:
    azioni fangfinanzaazioniborsainvestimento
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Concorso Covid estate 2020 Abbiamo il vincitore...

    Invia il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it

    Concorso Covid estate 2020
    Abbiamo il vincitore...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen Tiguan si rifà il look, nuova estetica e spazio all’elettrico

    Volkswagen Tiguan si rifà il look, nuova estetica e spazio all’elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.