A- A+
Economia
Covid, Agis e Confimprenditori: "Scelta devastante chiudere. Riaprite tutto"

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il Dpcm che entra in vigore lunedì 26 ottobre, fino al 24 novembre. Rimane fissata alle 18 la chiusura dei locali pubblici. La domenica e i giorni festivi bar e ristoranti potranno rimanere aperti (ovviamente sempre fino alle 18). Su questo ha pesato il parere del Comitato tecnico scientifico consegnato al governo perché secondo gli esperti "l’apertura domenicale dei ristoranti può essere utile per limitare le riunioni familiari". E proprio sulla base di queste considerazioni si è deciso di accettare la richiesta della Regioni. Secondo la Fipe - si legge in una nota di Confcommercio - però, queste ulteriori restrizioni "costeranno altri 2,7 miliardi di euro alle imprese della ristorazione, servono subito compensazioni di natura economica".

Covid, Conte rassicura l’Italia: “No a un secondo lockdown” 

Il premier ha parlato al Paese in mattinata per spiegare i contenuti del nuovo decreto anti-Covid: "L'obiettivo chiaro del governo - ha detto Conte - è tenere sotto controllo la curva epidemiologica per gestire la pandemia senza rimanerne sopraffatti. L'indice Rt del contagio ha raggiunto la soglia critica di 1.5. Dobbiamo fare il possibile per proteggere insieme salute ed economia". Poi l'annuncio sui vaccini: "A dicembre potrebbero arrivare le prime dosi. Se gli impegni saranno confermati, potremo intervenire subito per somministrarli alle categorie più fragili ed esposte al pericolo". Conte rassicura ancora una volta che non ci sarà un secondo lockdown generalizzato: "Non possiamo permettercelo". Per questo la necessità di un nuovo decreto: "Sabato le persone positive hanno raggiunto l'elevato numero di quasi 20mila. Questo rende difficoltose le operazioni di tracciamento. Dobbiamo tutelare salute e economia per non dover scegliere tra l'una e l'altra".

Rivolgendosi poi alle categorie più colpite dal nuovo Dpcm, come ristoranti, bar e locali, il presidente del Consiglio ha aggiunto: "Non mi piace fare promesse, prendo un impegno a nome del governo. Mi rendo conto delle difficoltà e dei sacrifici che chiediamo in particolare a determinate categorie come ristoratori, gestori di palestre e commercianti. Sono già pronti indennizzi per tutti coloro che verranno penalizzati da queste nuove misure. I ristori arriveranno sul conto corrente degli interessati attraverso un bonifico dell'Agenzia delle Entrate". Tra i settori più in sofferenza rientra anche il mondo dello spettacolo. "La decisione sulle categorie culturali come teatri e cinema è stata una delle più sofferte". "Il decreto-legge con gli indennizzi che saranno aggiuntivi a quelli già esistenti, saranno già in gazzetta ufficiale martedì, per essere erogati nel mese di novembre. Il Cdm non sarà oggi, come annunciato da qualcuno, ma lunedì o martedì", ha precisato precisa il premier.

Conte ha spiegato che "Arriveranno nuovi contributi a fondo perduto, ci sarà un credito d'imposta per gli affitti commerciali per i mesi di ottobre e novembre e verrà cancellata la seconda rata Imu dovuta entro il 16 dicembre". E ancora. "È confermata la cassa integrazione, sarà fornita una nuova indennità mensile una tantum su stagionali di turismo e spettacolo, un'ulteriore mensilità per il reddito di emergenza e misure di sostegno alla filiera agroalimentare. Grazie all'aiuto dei ministri Gualtieri e Patuanelli riusciremo a garantire gli indennizzi con le risorse attuali e non ci saranno scostamenti di bilanci".

Covid, le misure principali del Dpcm del 25 ottobre

Nel Dpcm si legge che "le attività dei servizi di ristorazione (tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5 fino alle 18; il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi; dopo le ore 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico; resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati; resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 24 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze".

La scuola

"L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza. Per contrastare la diffusione del contagio, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari almeno al 75 per cento delle attività, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l'eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l'ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9".
Bus e metropolitane

"È fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi".
Spostamenti liberi tra le Regioni

La raccomandazione sugli spostamenti rimane generica, è stato eliminato il riferimento ai movimenti fuori dal Comune e dunque è sempre consentito anche lo spostamento tra Regioni. Nel Dpcm è scritto: "È fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi".

Piscine e palestre

"Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per quelli con presidio sanitario obbligatorio o che effettuino l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; ferma restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento", aggiunge la nota di Confcommercio.

Giochi, cinema, teatri

"Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto". Su quest'ultimo provvedimento è intervenuto il presidente dell'Agis, Carlo Fontana, che ha parlato di "una scelta devastante".

I negozi

"Le attività commerciali al dettaglio si svolgono a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni; le suddette attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio", conclude la nota. 

Covid, Confimprenditori: "Tenete aperti bar e ristoranti"

"Chiediamo che venga immediatamente invertita la rotta, mantenendo aperti i ristoranti fino alle 22 e i bar fino alle 20, altrimenti è meglio andare subito in lockdown di un mese per tutti, con l'obiettivo di riaprire più avanti". Così Stefano Ruvolo, presidente nazionale di Confimprenditori, associazione datoriale che raggruppa 312 mila piccole e medie imprese italiane.

"Se questo governo presuntuoso che non ascolta parti sociali e Regioni manterrà le regole attuali, da un lato non riuscirà a fermare la curva del contagio e si dovrà procedere a una nuova stretta entro dicembre, dall’altro ucciderà definitivamente centinaia di migliaia di imprese -aggiunge - Questo esecutivo ha creato pochi nuovi posti di terapia intensiva, ha lavorato male su tamponi, tracciamento e trasporti, lascia il Paese aperto all’accesso incontrollato e non ascolta mai nessuno, per cui non deve sorprendere che persone senza un euro in tasca scendano in piazza per protestare. Bisogna cambiare subito, prima che sia troppo tardi. Speriamo che il governo abbia il buon senso di incontrarci, anche a distanza”

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    covidagischiuderebingosale giochisceltadevastante
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Ecco l'evoluzione del Movimento Da 5 Stelle a... Mastella. Gallery

    Crisi di governo, ironia del web

    Ecco l'evoluzione del Movimento
    Da 5 Stelle a... Mastella. Gallery


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Debutta la Jeep Renegade 80° Annversario

    Debutta la Jeep Renegade 80° Annversario

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.