A- A+
Economia
Visco: le banche continuano a non prestare. Pmi le più colpite

In Italia i prestiti a famiglie e imprese hanno continuato a contrarsi a causa della debolezza della domanda di credito e di un aumento dei fattori di rischio, un contesto dove a soffrire sono soprattutto le piccole e medie imprese. E' quanto emerge dal rapporto sulla stabilità finanziaria di Bankitalia. Secondo le stime di Palazzo Koch, i prestiti alle imprese "continuerebbero a diminuire anche nel 2015, seppur con un'intensità progressivamente decrescente".

Ma se "le aziende di maggiore dimensione stanno aumentando fatturato e redditività", tra quelle più piccole "le condizioni economiche e finanziarie restano difficili pur in presenza di una graduale riduzione del debito". Divergenze che, prosegue Bankitalia, si riflettono nelle condizioni di accesso al credito. Nel contesto di un "graduale riequilibrio della struttura finanziaria", si legge nel rapporto, "si riduce il debito e aumenta il ricorso al mercato", tanto che, grazie all'introduzione dei minibond, si e' assistito a un deciso aumento delle emissioni obbligazionarie delle Pmi, che "in media meno patrimonializzate, restano piu' esposte ai rischi derivanti dalla congiuntura e dalle difficolta' di accesso al credito".

Più in generale, con un credito ancora in contrazione e l'incertezza sulle prospettive economiche che condiziona la ripresa dei prestiti alle imprese, Bankitalia segnala, in comopenso, l'ulteriore diminuzione del flusso di nuovi prestiti deteriorati e il miglioramento dei relativi tassi di copertura. Inoltre, conclude Bankitalia, "il calo ha riguardato anche le nuove sofferenze, soprattutto quelle relative ai finanziamenti alle imprese; secondo informazioni preliminari, i flussi di nuove sofferenze sarebbero stabili negli ultimi mesi".

Tags:
creditopmibankitalia
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Mercedes Benz punta ad essere l’auto di maggior valore al mondo

Mercedes Benz punta ad essere l’auto di maggior valore al mondo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.