A- A+
Economia
Dal lavoro alle famiglie e all'indigenza estrema. Il piano anti-povertà di Renzi

di Andrea Deugeni
twitter11
@andreadeugeni

Terminato l'incontro con le associazioni del partenariato sociale, il governo Renzi ha convocato domani le Regioni. In attesa di capire quali saranno i margini di manovra in Europa nella richiesta di maggiore flessibilità sul target del deficit-Pil per il 2016, Palazzo Chigi procede spedito nell'elaborazione del piano anti-povertà che vedrà la luce il prossimo anno. In un'intervista ad Affaritaliani.it, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti spiega come si strutturerà l'intervento e quale sarà la dote finanziaria che il governo destinerà a a questo pacchetto di misure.


L'INTERVISTA

Oltre agli oltre 21 miliardi necessari a tagliare le tasse nel 2016, il governo deve trovare anche le risorse necessarie a mettere in piedi un piano anti-povertà. Come si strutturerà questo intervento?
"Abbiamo un confronto aperto con le associazioni del partenariato sociale da una parte e con le Regioni dall'altra. Quando avremo finito questo primo giro di tavolo, andremo a una stesura concreta delle linee, perché stiamo parlando di un piano generale e non soltanto di interventi specifici".

Quali sono i contorni di questo piano generale di lotta alla povertà?
"Sarà una serie articolata di tanti interventi che fanno riferimento a tante situazioni in relazione alle famiglie, al lavoro, alla presa in carico, alle politiche sociali e alla lotta alla povertà estrema. Un piano complesso e difficile da sintetizzare al momento".

Quale sarà la dote finanziaria che il governo Renzi intende destinare a questo pacchetto di misure?
"Destineremo tutte le risorse finanziarie che attualmente sono a disposizione su questo versante e che orienteremo successivamente sulla base delle linee del piano. Abbiamo un piano operativo nazionale inclusione che è finanziato dalll'Unione europea per un miliardo di euro e che sarà utilizzato per queste finalità. Poi, in sede di stesura della legge di Stabilità faremo le verifiche del caso rispetto alle risorse che saranno possibili e necessarie. E' chiaro, infatti, che con i soldi che abbiamo in cassa ora non saremmo in grado di fare tutto ciò che abbiamo intenzione di preparare".

E quindi?
"Il primo obiettivo è spendere bene le risorse che possediamo. Il secondo è quello di incrementarle. Un obiettivo che va reso coerente però con la sostenibilità dei nostri conti pubblici (all'interno della futura trattativa con la Ue nella richiesta a Bruxelles di estensione della 'clausola delle riforme strutturali', ndr). Un tema che va affrontato insieme a tutte le altre priorità del governo perché  bisognerà naturalmente guardare a tutti gli obblighi e agli impegni che ci siamo assunti e che vogliamo affrontare per il 2016. Ci sarà, quindi, un bilanciamento delle diverse esigenze. Allo stato attuale, percui, non è possibile fare delle previsioni precise su questo punto. Anche perché stiamo lavorando ad un piano che vuol dire definire le linee, gli obiettivi e gli strumenti. E poi, naturalmente, implementare le risorse".

Ma conferma la presenza di questo piano piano anti-povertà nella prossima legge di Stabilità?
"Sì. L'intervento è necessario anche perché è richiesto dalla stessa Europa con il piano operativo nazionale per l'inclusione sociale. Ma non ci limitiamo a farlo per rispondere a degli obblighi europei, ma per strutturare una serie ampie di misure su tutti i versanti in modo tale che, insieme alle Regioni e alle associazioni del partenariato sociale, si definiscano obiettivi e strumenti per collaborare, perchè la lotta alla povertà ha bisogno di una presenza molto forte e di una presa in carico delle diverse situazioni da parte dei territori, delle comunità locali, del volontariato e dell'associazionismo. Un lavoro complesso che si porta a termine con molti strumenti e in molti luoghi. Per questo abbiamo bisogno di un po' di tempo. Potremmo anche strutturare interventi interessanti e finalizzati ad un unico obiettivo o ad una specifica situazione. Ma non è quello che vogliamo. Intendiamo avere un quadro generale che metta assieme tutte le problematiche".

Il calendario è già stato definito?
"Il governo ha già fatto un incontro con il partenariato sociale, i sindacati e le associazioni d'impresa. Domani inconteremo i rappresentanti delle Regioni e poi andremo avanti".

Tags:
lavoropolettipovertarenzi
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.