A- A+
Economia

Nessuna spallata: il Jobs Act verrà masticato dal Parlamento. Sul Lavoro Renzi non agisce d'imperio e preferisce lo strumento della legge delega. Il consiglio dei ministri ha optato per il decreto legge solo su due punti: contratto a termine e apprendistato. Per il momento la riforma Fornero resta in piedi, ma tra pochi mesi sarà, di fatto, smantellata.

CONTRATTO A TERMINE- Passa da 12 a 36 mesi la durata massima del primo rapporto di lavoro a tempo determinato, per il quale non è richiesto il requisito della cosiddetta causalità, fissando il limite massimo del 20% per l’utilizzo dell’istituto. In ostanza, in un'impresa non potra essere a tempo determinato più di un lavoratore su 5. Prevista la possibilità di prorogare anche più volte il contratto a tempo determinato entro il limite dei tre anni, sempre che sussistano ragioni oggettive e si faccia riferimento alla stessa attività lavorativa.

APPRENDISTATO - Per il contratto di apprendistato si prevede il ricorso alla forma scritta per il solo contratto e patto di prova (e non, come attualmente previsto, anche per il relativo piano formativo individuale) e l’eliminazione delle attuali previsioni secondo cui l’assunzione di nuovi apprendisti è necessariamente condizionata alla conferma in servizio di precedenti apprendisti al termine del percorso formativo. È inoltre previsto che la retribuzione dell’apprendista, per la parte riferita alle ore di formazione, sia pari al 35% della retribuzione del livello contrattuale di inquadramento. Per il datore di lavoro viene eliminato l’obbligo di integrare la formazione di tipo professionalizzante e di mestiere con l’offerta formativa pubblica, che diventa un elemento discrezionale.

CIG - Le misure già approvate si fermano qui. Il resto sarà definito con un disegno di legge delega. Che non fa altro che fissare degli obiettivi: una delle più conistenti riguarda la cassa integrazione. Saranno esclusi i casi di "cessazione aziendale" e saranno privilegiate altre forme di riduzione dell'orario di lavoro. La Cig sarà ridotta nella durata e andrà progressivamente a esaurirsi la cassa integrazione straordianaria.

L'Aspi e la mini-Aspi, sussidi introdotti alla legge Fornero, saranno semplificati ed estesi anche ai co.co.co. Per il momento con un periodo sperimentale della durata di due anni.

POLITICHE ATTIVE- Verranno individuati meccanismi volti ad assicurare il coinvolgimento attivo di chi è senza lavoro. La spinta verso la ricollocazione dovrebe essere garantita da un'Agenzia nazionale unica per l'impiego. Saranno razionalizzati gli incentivi all’assunzione, all'autoimpiego e all'autoimprenditorialità già esistenti.  

Ma il settore pubblico, per ora, non funziona. Ecco allora che il governo punta a "rafforzare e valorizzare l’integrazione pubblico/privato per migliorare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro".

SEMPLIFICAZIONE CONTRATTUALE - Gli obiettivi sono "afforzare le opportunità di ingresso nel mondo del lavoro da parte di coloro che sono in cerca di occupazione e riordinare i contratti di lavoro vigenti". Dovrebbe essere introdotto un "compenso orario minimo, applicabile a tutti i rapporti di lavoro subordinato".

DONNE E LAVORO- "L’obiettivo che si vuole raggiungere è quello di evitare che le donne debbano essere costrette a scegliere fra avere dei figli oppure lavorare". Con quali mezzi? "Introdurre a carattere universale l’indennità di maternità; garantire, alle lavoratrici madri parasubordinate, il diritto alla prestazione assistenziale anche in caso di mancato versamento dei contributi da parte del datore di lavoro; abolire la detrazione per il coniuge a carico ed introdurre il tax credit, quale incentivo al lavoro femminile, per le donne lavoratrici, anche autonome, con figli minori e che si trovino al di sotto di una determinata soglia di reddito familiare; incentivare accordi collettivi volti a favorire la flessibilità dell’orario lavorativo e l’impiego di premi di produttività, per favorire la conciliazione dell’attività lavorativa con l’esercizio delle responsabilità genitoriali e dell’assistenza alle persone non autosufficienti; favorire l’integrazione dell’offerta di servizi per la prima infanzia forniti dalle aziende nel sistema pubblico – privato dei servizi alla persona, anche mediante la promozione del loro utilizzo ottimale da parte dei lavoratori e dei cittadini residenti nel territorio in cui sono attivi.

Tags:
fornerorenzijobs actlavoropoletti

in evidenza
Autunno freddo (senza gas) e quindi caldo (come negli anni '70)? Scoprilo alla Piazza di Affari!

La kermesse a Ceglie dal 26 al 28 agosto - Il programma

Autunno freddo (senza gas) e quindi caldo (come negli anni '70)? Scoprilo alla Piazza di Affari!


casa, immobiliare
motori
 Nuova Porsche 911 GT3 RS, nata per stupire

 Nuova Porsche 911 GT3 RS, nata per stupire

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.