A- A+
Economia
Un assegno da 146 milioni: Del Vecchio chiude il contenzioso con il Fisco

Leonardo Del Vecchio, il patron di Luxottica, gruppo finito in queste due sedute nel ciclone delle vendite in borsa, ha transato con il Fisco italiano. Mentre il vecchio fondatore ha preso le deleghe operative del colosso dell'ochhialeria dopo l'uscita del secondo amministratore delegato in soli 40 giorni, emerge anche che Luxottica ha  firmato con l'Agenzia delle Entrate una transazione da 146 milioni di euro già versati, che gli varrà anche la certezza dell'archiviazione in sede penale, dove peraltro l'annualità in contestazione (2006) è di fatto già prescritta, di questioni tributarie-penali sull'attività della holding Delfin che controlla Luxottica e che ha sede in Lussemburgo. Il motivo? I dividendi maturati in Lussembugo nel 2006 per cui la Procura di Milano lo aveva sottoposto a indagine per l'ipotesi di reato di "dichiarazione infedele".

La maxitransazione è scaturita da questioni simili che i Pm e l'Agenzia delle Entrate hanno contestato anche a Prada (da 470 milioni) o ad Armani (da 270 milioni) o a Bosch (da 320 milioni). Il fondatore di Luxottica non si è barricato dietro ai suoi avvocati, pronto a combattere per un eterno contenzioso, e ha deciso invece di staccare un assegno.

Tags:
del vecchiofisco

i più visti

casa, immobiliare
motori
Con Citroen Ami alla scoperta di Monza

Con Citroen Ami alla scoperta di Monza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.