A- A+
Economia
Della Valle ci ripensa: niente politica. Troppo alto il rischio 1%...

In principio fu Mario Monti, poi l'amico Luca Cordero di Montezemolo (anche se rimase solo un'ipotesi), poi ancora Corrado Passera. La discesa nell'agone politico di chi dell'ambiente non è, a meno che non ti chiami Silvio Berlusconi, e forse neppure in quel caso, non porta a grandi risultati.

Lo sa bene Diego Della Valle, patron della Tod'S, che dopo aver accarezzato l'idea per mesi, avrebbe definitivamente deciso di non fare "la fine dell'1%". Dunque niente movimento di imprenditori, di volti nuovi, di uomini del fare.

A farlo riflettere sarebbero stati i suoi amici di sempre, Montezemolo appunto e Clemente Mastella, i primi a bocciare non solo la discesa in campo, ma anche la strada di un movimento culturale.

"O fai politica o non la fai. Il Italia gli ibridi non servono a niente e fanno solo danni", avrebbero detto gli amici di una vita a Della Valle secondo quanto Affaritaliani.it è in grado di riferire.

E lui per ora si sarebbe convinto. "Certo Diego è sempre Diego", aggiunge qualcuno, lasciando intendere che un cavallo sciolto come Mr Tod'S non è mai prevedibile. Ma per ora l'imprenditore marchigiano avrebbe convenuto che riesce a pesare di più 'da fuori', tuonando davanti a microfoni e registratori contro Renzi o gli Agnelli, che non con una fondazione stile Italia Futura.

Tags:
della vallemontezemolomastella
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.