A- A+
Economia
Design, cresce il valore del made in Italy nel mondo: 22 miliardi nel 2017

Design made in Italy cresce il valore: i mercati del design italiano e la mappa geografica

 

Il design italiano ha generato un export di quasi 22 miliardi. È il valore raggiunto dall’Italia nel 2017 tra arredamento, illuminazione, articoli in porcellana e ceramica e gioielleria, in crescita rispetto all’anno precedente, del +6%. In particolare sono aumentate le esportazioni di gioielli (+12%), sedie (+11%), parti e accessori di mobili (+7%). Lo ha rivelato la Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Promos basandosi sui dati Istat degli anni 2017 e 2016.

I 3 maggiori partner italiani sono: Francia (14% del totale, +11% rispetto al 2016), Stati Uniti (9,6%, +9,3%) e Svizzera (9,3%, +10,8%). In ascesa anche Hong Kong 7° (+16,3%), Cina 9° (+36%), Turchia 11° (+16,4%) e Canada 17° (+12,8%). Tra le prime 20 destinazioni compaiono poi Germania, Regno Unito, Emirati Arabi e Spagna. E se la Francia è il principale partner per quasi tutti i prodotti, i mobili per ufficio, per cucina, le sedie e l’arredo domestico vanno anche negli USA, la Germania è prima per apparecchiature per l’illuminazione e per prodotti in porcellana e ceramica, il Regno Unito per parti e accessori di mobili e la Svizzera per gioielleria e pietre preziose.

 

Design italiano aumenta il valore nel 2017: ecco quali sono i maggiori esportatori italiani

 

I maggiori esportatori italiani di design sono Treviso, Alessandria e Arezzo. Monza Brianza seconda per mobili, Milano prima per apparecchiature per l’illuminazione. Le crescite maggiori ad Alessandria (+33,7%) grazie soprattutto a gioielli e pietre preziose, Pordenone (+13,8%), Bergamo, Arezzo e Milano (+6%). Nel settore dei mobili prime Treviso (18% del totale), Monza Brianza (8,7%), Pordenone (8%) e Como (6,9%). Quinta Milano ma in forte crescita del +16%.

La Lombardia con quasi 5 miliardi rappresenta oltre un quinto del totale nazionale, +3%. Milano con 1,8 miliardi (di cui 467 milioni in mobili), Monza Brianza con 1 miliardo (di cui 835 milioni solo di mobili) sono leader del settore regionale. Seguono Como con 710 milioni, Brescia con 438 e Bergamo con 359. A Lecco +28,2% e a Sondrio +16,1% i maggiori aumenti in un anno.

Per sapere dove va il made in Italy, quali sono i maggiori mercati, quali gli emergenti e quante imprese operano nel settore ecco la mappa: “Il design italiano nel mondo – Italian design in the world”, realizzata dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi in collaborazione con Promos. La mappa è disponibile in italiano e inglese ed è scaricabile sul sito di Promos.

 

Tags:
designmade in italycrescita valore made in italy
Loading...
in vetrina
Lana Rhoades, pornostar svela il messaggio da un calciatore famosissimo...

Lana Rhoades, pornostar svela il messaggio da un calciatore famosissimo...

i più visti
in evidenza
Liti e urla in casa. La Elia si isola "Voglio solo sopravvivere..."

Grande Fratello Vip bufera-news

Liti e urla in casa. La Elia si isola
"Voglio solo sopravvivere..."


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Milano Monza Motor Show e Salone del Mobile, in contemporanea il 18-21 giugno

Milano Monza Motor Show e Salone del Mobile, in contemporanea il 18-21 giugno


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.