A- A+
Economia

 

 

manager

Di Milo Goj

 

Altro che trionfo dell'economia virtuale: i responsabili delle aziende europee non sono ancora pronti per entrare nell'era digitale. Lo afferma una recente ricerca ricerca condotta da Coleman Parkes Research (maggio-giugno 2013) per Ricoh. Dallo studio emerge che per  il 63% dei manager la propria azienda è ben lungi dall'essere pronta per la trasformazione digitale. La ricerca rivela inoltre che la maggioranza dei responsabili aziendali (83%) è convinta che i Cio (chief information officer) siano pronti per guidare questa trasformazione, ma non godono della piena legittimazione per farlo e per cambiare le attività da cui dipende la crescita del business. I manager indicano l'ottimizzazione dei processi documentali come l'attività che potrebbe avere il maggiore impatto sullo sviluppo dell'azienda, ma attualmente i responsabili dei sistemi informativi non riescono a farsi promotori del cambiamento e sotantlo il 9% ritiene di avere una certa influenza in questa area.

Dallo studio emerge però anche un filo di ottimismo:  per i Cio sussiste l'opportunità di assumere un ruolo importante delineando la strategia digitale da seguire e favorendo la crescita dell'azienda, a patto che essi abbiano a disposizione gli strumenti necessari e siano coinvolti nei processi decisionali. Secondo i responsabili aziendali, le tre principali expertise che un responsabile informatica dovrebbe possedere sono:
1) una significativa esperienza di marketing;
2) conoscenze tecnologiche adeguate;
3) competenze in merito ai processi di business.
Solo una minoranza degli intervistati ha dichiarato che attualmente il Cio dispone di tutti i tool necessari per implementare una strategia digitale di successo che punti ad esempio a un maggiore coinvolgimento dei clienti (13%) e a una gestione più efficace della supply chain (14%).

Attualmente i progetti di "digital trasformation" vengono in prevalenza gestiti dal Cto (chief technical officer) e dal Cio (43%) e in seconda battuta dal Ceo (nel 30% dei casi). Tuttavia, se si considerano solo i responsabili dei sistemi informativi, essi fungono da leader esclusivamente nel 21% dei casi. Inoltre, il Cio fa parte del consiglio di amministrazione in meno della metà delle aziende del campione (46%).

Ian Winham, Cio e Cfo di Ricoh Europe, commenta: "I risultati della ricerca mettono in evidenza che la maggior parte delle aziende sta attraversando un 'periodo buio' nella trasformazione verso il digitale e non sempre è pronta per questo passaggio.  In questo periodo in cui ci si aspettano molti cambiamenti guidati dalla tecnologia, per le organizzazioni è importante essere flessibili per adattarsi con rapidità alle nuove esigenze dei clienti e al contesto di mercato guadagnando così vantaggio competitivo. Per vincere le sfide associate a questo cambiamento, il reparto IT non dovrebbe essere visto come una funzione di staff e di supporto. Ai responsabili dei sistemi informativi andrebbe data la possibilità di innovare i modelli di business e le modalità di interazione con i clienti introducendo cambiamenti nei workflow che aumentino la produttività. Grazie alle competenze tecnologiche e di business, i Cio hanno la possibilità di analizzare le modalità di lavoro tradizionali per innovarle ottimizzando così i processi. I benefici vanno oltre la riduzione dei costi. Le aziende possono trarre vantaggio da modelli di business più produttivi e flessibili che facilitano la condivisione della conoscenza tra i dipendenti e aumentino la reattività di fronte alle esigenze espresse dai clienti. Partendo da questo approccio, il Cio sarà in grado di focalizzare l'attenzione sulla crescita del core business per guidare con successo l'organizzazione verso un futuro digitale".

Tags:
digitalizzazioneeuropawi-fi
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car

Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.