A- A+
Economia
Intesa, i bancari ora diventano azionisti. Messina distribuisce il premio in titoli


di Andrea Deugeni

Carlo Messina, l'amministratore delegato di Intesa-Sanpaolo, se le sta inventando proprio tutte per far crescere la redditività del suo gruppo. E così dopo aver lavorato sugli aspetti motivazionali dei primi 1000 dirigenti di Intesa, attraverso il coinvolgimento nel nuovo piano industriale e svecchiando i quadri attraverso più veloci percorsi di carriera interni, il Ceo di Ca' de Sass passa ai piani inferiori, legando i premi aziendali al valore delle azioni in borsa. E così prima Intesa si avvicinerà agli obiettivi del piano industriale, più l'azione a Piazza Affari accrescerà il suo valore, come il gruzzolo dei dipendenti che vorranno passare all'incasso (dopo un naturale periodo di lock-up). 

La banca presieduta da Giovanni Bazoli ha appena raggiunto un accordo con i sindacati sul piano di azionariato diffuso e sul premio di risultato del 2013. Per la prima volta, ai lavoratori del primo istituto di credito italiano sarà assegnato un premio suddiviso in azioni e contanti. I titoli, assegnati in anticipo rispetto alla fine del piano industriale (al 2017), ammontano a 55 milioni di euro, da distribuire nel 2014 a tutti i 65 mila lavoratori in Italia.

Ogni bancario, quindi, riceverà in media quasi 920 euro di titoli. In totale il piano di investimento in azioni nel triennio potrebbe ammontare a circa 250 milioni di euro, in caso di partecipazione al piano di tutti i dipendenti. Il resto del riconoscimento economico sarà invece in denaro, 820 euro medi lordi, capitolo per il quale l’azienda ha stanziato 45 milioni. Qualora i lavoratori decidano di investire la somma in spese di carattere sociale, ossia in quelle legate al welfare o all’istruzione dei propri figli, l'accordo fra la banca e i sindacati prevede che i bancari potranno usufruire di particolare agevolazioni fiscali che renderanno pieno l’importo del premio in contanti. L’intesa prevede che, in caso di ribasso del titolo, il valore delle azioni assegnate ai dipendenti sia mantenuto invariato alla scadenza del piano medesimo e aumentato nel caso di rialzo.

“Siamo soddisfatti che il piano di azionariato per i dipendenti annunciato da Carlo Messina sia passato attraverso un sano e costruttivo confronto con il sindacato, come avevamo richiesto”, ha commentato a caldo subito dopo la firma Mauro Bossola, segretario generale aggiunto della Fabi. Per il collega Giuseppe Milazzo (segretario nazionale Fabi) “l'accordo è innovativo perché finalmente favorisce la partecipazione dei lavoratori agli utili d’impresa, con precise garanzie per i dipendenti”.
 

Tags:
intesamessinasindacatibanche
Loading...
in vetrina
Grande Fratello Vip 2020 VINCITORE: CHE COLPI DI SCENA IN FINALE Gf Vip 4 news

Grande Fratello Vip 2020 VINCITORE: CHE COLPI DI SCENA IN FINALE Gf Vip 4 news

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
La Pasqua in quarantena Cena fra amici. "E' l'ultima"

Coronavirus vissuto con ironia

La Pasqua in quarantena
Cena fra amici. "E' l'ultima"


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
PEUGEOT BOXER BlueHDi 140 disponibile con furgonature Onnicar

PEUGEOT BOXER BlueHDi 140 disponibile con furgonature Onnicar


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.