A- A+
Economia
Dl lavoro, la Cgil sui contratti a termine: "Togliere obbligo assunzione creerà illegalità"

La segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, boccia gli emendamenti apportati al decreto su contratti a termine e apprendistato. "Secondo gli annunci - ha detto Camusso, intervista a margine delle 'Giornate del lavoro' - mi pare si continui a sancire la precarieta' come strada che si vuole utilizzare.

"Rispetto al tetto del 20% come limite per i contratti a termine - spiega -, se si toglie l'unico argomento e si passa alle sanzioni pecuniarie e' un modo per dire che non c'e' piu' un vincolo e una idea di limitazione. E ci sara' un uso illimitato e anche illegittimo di forme di lavoro a termine".

Secondo Camusso, "desta qualche perplessita' l'annuncio di voler legare questo decreto al contratto unico a tutele crescenti: cosi' il contratto unico resta un mistero della fede". "La sensazione - ha proseguito - e' che la distanza tra la dichiarata volonta' e i provvedimenti sia sempre piu' ampia". "Bisogna decidere se il lavoro e' lo strumento con il quale si esce dalla crisi o se si pensa che e' sufficiente continuare a svalorizzarlo. L'unica strada e' il lavoro".
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
dl lavorocgilcamussocontratti a termine
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.