A- A+
Economia
Draghi si muove contro la Le Pen. Assist alla Merkel sulla crescita

di Andrea Deugeni
twitter
@andreadeugeni

"Manovre quantitative non convenzionali da parte della Banca Centrale Europea? Allontanerebbero il rischio della deflazione e spingerebbero la crescita, facendo un favore alla Cancelliera tedesca Angela Merkel". Lo spiega ad Affaritaliani.it Marco Onado, economista della Bocconi esperto di intermediari finanziari, intervistato sull'aperture del presidente della Bundesbank Weidmann a misure non convenzionali (quantitative easing) da parte della Bce in stile Federal Reserve. Un'attenuazione dunque dell'ortodossia tedesca anche in campo monetario. "L'apertura della Bundesbank al QE è stata una rezione all'antieuropeismo che sta montando e che ha portato in Francia alla vittoria del Front National", dice, "perché andare alle elezioni europee in queste condizioni economiche rafforzerebbe il fronte del No all'euro".

Perché il presidente della Bundesbank Jens Weidmann ha aperto al quantitative easing (QE), all'acquisto di titoli cioè da parte della Bce?
"C'è un'intesa discussione all'interno dell'Eurotower sul tema deflazione. Ha prevalso la tesi di quanti ritengono che il rischio deflazione sia tutt'altro che superato. Anche la Bce, dunque, comincia a pensare al rischio deflazione e credo che ciò preluda a qualche decisione importante".

marco onado 800 2
 

Già nel prossimo consiglio del 3 aprile? E quale misura potrebbe mettere in campo il presidente Mario Draghi?
"Sì e non solo il taglio dei tassi d'interesse che sono già a un livello basso, lo 0,25% che lascia pochi margini di azione, ma la Bce potrebbe muoversi in maniera più aggressiva, facendo leva sui tassi d'interesse sui depositi delle banche presso la Bce che potrebbero diventare negativi o acquistando come fa la Federal Reserve con manovre quantititative titoli obbligazionari pubblici o privati con l'effetto di aumentare la massa monetaria nel sistema".

Qualche osservatore ha letto l'apertura del presidente della Bundesbank al QE come reazione all'ondata di antieuropeismo che sta montando in vista delle elezioni di maggio che in Francia, per le amministrative, ha appena portato alla vittoria del Front National di Marine Le Pen. Lettura corretta?
"Assolutamente sì, perché andare alle elezioni europee in queste condizioni economiche rafforzerebbe il fronte antieuropeista. Quindi, delle considerazioni all'interno dell'Eurotower sono state sicuramente fatte. Con ulteriori misure espansive, anche non convenzionali, la Bce centrerebbe un doppio obiettivo".

Quale?
"Allontanerebbe il rischio della deflazione e spingerebbe la crescita, facendo un favore alla Cancelliera tedesca Angela Merkel".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
draghibcemerkel
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.