A- A+
Economia
Enel, liberalizzazione elettricità, Tamburi:"Servono garanzie sugli operatori"

Enel, Carlo Tamburi: "Elettricità verso il mercato libero, servono garanzie sugli operatori"

"Con il decreto varato martedì scorso dal ministero per lo Sviluppo economico, il governo ha dato segnali precisi su come intende gestire il superamento della maggior tutela per l’energia elettrica" Carlo Tamburi, direttore Italia di Enel ha commentato, in un'intervista al Sole24Ore, il percorso di liberalizzazione che sta interessando in queste settimane quel bacino di clienti che ancora beneficiano di tariffe decise dall’Autorità per l’energia. "Queste scelte - afferma - di pari passo con quanto si sta prefigurando per l’albo dei venditori, rappresentano un test per quanto potrà accadere dal primo gennaio 2022. Ora si stanno definendo le regole per la fine della maggior tutela per circa 200 mila Pmi (quelle con fatturato tra 2 e 10 milioni, ndr) fissata per il primo gennaio di quest’anno, ma che nei fatti scatterà dal primo luglio. Ma quelle stesse scelte potrebbero costituire un precedente nel momento in cui verranno fissate le nuove regole, il prossimo anno, quando questo processo riguarderà ben 15 milioni tra famiglie e microimprese".

Tamburi ritiene "Singolare che, a questo stadio del percorso, sia stata prevista una soglia diversa da quella fissata dall’Autorità, che ora dovrà riscrivere le regole di queste aste. Se la soglia fosse stata al 50% avrebbero vinto due o al massimo tre fornitori. Dunque la nuova soglia non cambia molto, ma è il segnale che il governo vuole essere attento nel controllare il processo e forse stabilire un precedente in vista della fine della maggior tutela per le famiglie. Ma la questione va inquadrata con il tema dell’albo dei venditori che, nell’interesse dei consumatori, deve prevedere criteri di accesso rigorosi, come del resto prevedevano sia la legge che ha fissato la fine della maggior tutela sia il parere delle commissioni parlamentari al decreto pubblicato martedì. La realtà è che questo non potrebbe non accadere perché la bozza del decreto che istituisce l’albo non prevede al momento alcun criterio selettivo al contrario di quanto già stabilito dall’Autorità per l’energia nella sua delibera".

Perchè il governo non riduce il numero dei venditori? "La prospettiva di un mero elenco di venditori anziché di un vero e proprio albo è una grande preoccupazione per tutti i consumatori, perché significa avere una giungla di soggetti che fanno offerte aggressive e che si rubano clienti l’uno con l’altro" osserva Tamburi. Il manager ricorda come negli ultimi due o tre anni in Italia si siano susseguiti diversi casi che hanno lasciato a carico del sistema conti da ripianare importanti. "Abbiamo anche assistito al fenomeno di operatori che hanno incassato i soldi delle bollette, ma poiché avevano fatto investimenti sbagliati o speculato, non hanno versato ai distributori la parte dei soldi relativa agli oneri di sistema – continua -. Parliamo di ammanchi importanti, per centinaia di milioni".

Secondo il manager il sistema va tutelato escludendo gli operatori non corretti o che non hanno solidità finanziaria. "La presenza di un requisito minimo patrimoniale sarebbe sufficiente – chiosa-. Si poteva anche pensare a un processo graduale, fissando un periodo di tempo per l’adeguamento dei venditori che non hanno i requisiti previsti. Riteniamo che un albo efficace e selettivo sia indispensabile per ridurre i rischi per clienti e operatori corretti. In aggiunta – propone Tamburi si potrebbe delegare nel decreto l’Autorità per l’energia a definire criteri per l’albo validi per partecipare alle gare per le tutele graduali stabilendo, però, di rivederli in funzione evoluzione del mercato". Tamburi suggerisce inoltre di cogliere l’occasione del fine della tutela per istituirne una più limitata, riservata soltanto alla platea di clienti vulnerabili che possono automaticamente beneficiare del bonus energia (utilizzato solo dal 30% degli aventi diritto). "Per queste fasce è giusto mantenere una protezione – dice il manager -. Si potrebbe anche alzare la soglia di reddito per accedervi, ma facciamo in modo che l’accesso sia più agevole, magari anche introducendo automatismi in base una serie di nuovi requisiti da definire".

Commenti
    Tags:
    enelcarlo tamburi eneltamburi eneltamburi liberalizzazione energiaenel liberalizzazione energia
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Incubo autocertificazione Ora arriva anche sulle magliette

    Il Covid vissuto con ironia

    Incubo autocertificazione
    Ora arriva anche sulle magliette


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Renault Arkana, il SUV della Losanga arriva in Europa

    Nuovo Renault Arkana, il SUV della Losanga arriva in Europa

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.