A- A+
Economia
In Francia non si fermano i fallimenti delle imprese

Oltralpe non è cessato l'allarme sui fallimenti aziendali. Secondo i dati riportati dalla Banca di Francia sono proseguiti anche  nel mese di giugno. L'unica parziale consolazione è che il dato leggermente rallentato rispetto al 2013 e si è passati al 1,8% di società che hanno chiuso contro il 2,3% dello stesso periodo di dodici mesi prima. Situazione simile sul trimestre, stando alle stime sino alla fine di maggio I fallimenti sono diminuiti del 5,6% rispetto ai tre mesi precedenti. Una decrescita che però non regala segnali positivi.

Da fine giugno 2013 a giugno 2014, sono 62.916 le società che hanno alzato bandiera bianca. Costruzioni (15.910) e commercio le maglie nere. Il numero di fallimenti è aumentato in modo significativo nelle attività finanziarie e assicurative (+ 14,3% anno su anno, 1.265 fallimenti), così come in agricoltura e pesca (+ 7,3% nel 1341). La BdF sottolinea che quasi 9 su 10 fallimenti sono legati alle microimprese.

Tags:
fallimentifrancia

in evidenza
Malocclusione dentale e abitudini Cos’è, come trattarla e conseguenze

Trattamento ortodontico

Malocclusione dentale e abitudini
Cos’è, come trattarla e conseguenze


motori
Dacia Spring si aggiudica il titolo di auto più Verde del Green NCAP 2022

Dacia Spring si aggiudica il titolo di auto più Verde del Green NCAP 2022

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.