A- A+
Economia
marchionne 1 500

"Non c'è dubbio che l'origine della produzione è importante per la Maserati. Penso che lo sia anche per l'Alfa". Lo sostiene l'amministratore delagato di Fiat, Sergio Marchionne, in un'intervista al Financial Times. "Noi non produrremo mai al di fuori dell'Italia - aggiunge Marchionne, riferendosi a questi due marchi -. Potrà essere il prossimo Ceo a farlo, non io".

Il manager è tornato anche su uno degli impianti più delicati, quello di Mirafiori. Marchionne promette: ""Il piano che intendiamo applicare in termini di pieno sviluppo del sito... E' che tutte le persone impiegate nell'impianto siano riassorbite".

La mente di Fiat resta però oltreoceano. Chrysler è ormai pronta a consegnare alla Sec i documenti per l'Ipo. Lo farà già questa settimana. "Tutto il lavoro, tutta la preparazione è pronta - dice l'amministratore delegato del Lingotto -. Dovremmo essere pronti a consegnare la documentazione entro la terza settimana di questo mese". La quotazione però, non dovrebbe arrivare prima del primo trimestre 2014. A rallentare l'Ipo ha influito la situazione del mercato automobilistico, ma anche il fondo Veba, che ancora non è disposto ad alcun passo indietro sul prezzo della propria quota in Chrysler.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fiatalfa romeomarchionne
i più visti
in evidenza
Neve e gelo all'assalto dell'Italia Le previsioni sono da brivido

Meteo, offensiva siberiana

Neve e gelo all'assalto dell'Italia
Le previsioni sono da brivido


casa, immobiliare
motori
Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.