A- A+
Economia

A gennaio Fiat-Chrysler aveva annunciato di aver raggiunto un accordo quadro per produrre i modelli Jeep in Cina con Guangzhou, ma un'intesa finale non è stata ancora annunciata, anche perché i due partner è da mesi che stanno discutendo su dove avviare la produzione. La joint venture Fiat-GAC già gestisce un impianto a Changsha, dove viene montata la berlina Fiat Viaggio. Sembra che Fiat voglia costruire il nuovo suv Jeep nella stessa località, mentre GAC nel sud della Cina.Fiat-Chrysler e Guangzhou Automobile Group costruiranno un nuovo impianto a Guangzhou in Cina per produrre i modelli Jeep per il mercato cinese. Lo riporta l'agenzia di stampa cinese Xinhua, secondo la quale l'impianto sarà in grado di produrre 160mila auto (suv e berline) l'anno con un investimento totale di 774 milioni di dollari (574 milioni di euro).

"Crediamo che la Jeep possa montare il nuovo modello Cherokee in Cina: in tal caso sarebbe assolutamente razionale utilizzare l'impianto di Changsha poiché la piattaforma Fiat Viaggio e la nuova piattaforma Cherokee sono la stessa cosa, una piattaforma "CUSW", in questo modo la realizzazione degli investimenti necessari sarebbe molto più abbordabile", commentano gli analisti di Banca Akros. Senza contare che l'impianto a Changsha è sottoutilizzato poiché la Fiat Viaggio non sta vendendo molto (nei primi 7 mesi del 2012 sono state vendute solo 20mila unità, mentre la capacità dell'impianto è di 140mila unità l'anno con la possibilità di crescere a 250/300mila unità l'anno).

Per cui la notizia riportata dall'l'agenzia di stampa cinese Xinhua "non è abbastanza chiara, al momento, noi non capiamo perché dovrebbero costruire un nuovo impianto quando quello di Changsha è praticamente inattivo", concludono gli analisti di Banca Akros che sul titolo Fiat mantengono un rating hold e un target price a 6 euro. A Piazza Affari stamani l'azione scende a quota 6,185 euro (-0,72%). Per gli analisti di Intermonte la notizia arrivata dalla Cina non rappresenta una novità, mentre sembra che nel 2016 verrà lanciato un nuovo modello di Cinquecento che andrà a rimpiazzare la Grande Punto. "Non emergono novità rilevanti rispetto a quanto già noto: il lancio di nuovi modelli in Europa conferma il ritardo nel rinnovo della gamma ormai noto da tempo. Gli investimenti in Cina sono positivi ma già noti da tempo", affermano gli analisti di quest'altra sim che sul titolo Fiat mantengono un rating underperform.

Separatamente Fiat ha annunciato l'intenzione di procedere alla riapertura del prestito obbligazionario di 850 milioni di euro con cedola fissa del 6,75% e scadenza ottobre 2019, emesso in data 12 luglio 2013 dalla controllata Fiat Finance and Trade nell'ambito del programma di Global Medium Term Notes garantito da Fiat. Il libro ordini è stato aperto con prime indicazioni di rendimento in area 6,5%. Guidata da Bnp paribas, Citi, Commerzbank, Goldman Sachs, Natixis, Societe Generale e Unicredit la transazione sarà prezzata oggi.

Tags:
cinafiatjeep

in evidenza
Noemi-Totti, le voci di un bebè Misteriosa trasferta in yacht

La nuova fiamma - FOTO

Noemi-Totti, le voci di un bebè
Misteriosa trasferta in yacht


casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.