A- A+
Economia

 

landini marchionne

Il faccia a faccia tra Fiat e Fiom "è andato male. Fiat nei fatti non intende applicare la sentenza della Corte Costituzionale e ha riproposto come condizione il fatto che la Fiom riconosca l'accordo che non ha firmato. L'assurdo è che dovremmo riconoscere l'accordo che ci ha esclusi per poter avere i diritti che sono stati sanciti dalla Corte Costituzionale". Lo ha detto il leader delle tute blu della Cgil, Maurizio Landini, conversando con i giornalisti all'uscita della sede romana della Fiat.

"Non abbiamo nessuna intenzione di rinunciare a quello che la Consulta ha dichiarato e cioè che un sindacato rappresentativo ha il diritto di esistere, di essere presente e di poter svolgere la propria attività sindacale dentro ai luoghi di lavoro". "Chiediamo al Governo di far applicare la sentenza della Corte Costituzionale. Di leggi inutili e incostituzionali a favore di Fiat, il Governo ne ha fatte abbastanza, come l'articolo 8 di Sacconi", ha dichiarato il segretario della Fiom. "A settembre abbiamo il diritto di rientrare e metteremo in campo tutto quello che potremo fare perchè venga rispettato, anche le vie legali".

E' urgente che il Governo e la presidenza del Consiglio convochino un tavolo con le parti sociali e la Fiat: "sono a rischio i diritti e le libertà e sono totalmente incerti il futuro e l'occupazione in Italia", ha aggiunto Landini. "Siamo di fronte a un futuro di cassa integrazione". "Di Cassino non si sa il futuro, sugli investimenti non abbiamo certezze, c'è il rischio che gli stabilimenti chiudano perchè non abbiamo mai visto stabilimenti che restano aperti senza produrre auto". Dopo l'incontro di oggi tra il Lingotto e la Fiom "Fiat non è stata disponibile a fissare nessun nuovo incontro".

Immediata la replica del Lingotto, secondo cui "come spesso gli succede, il segretario della Fiom, Maurizio Landini strumentalizza a suo piacimento quanto è stato detto nel corso dell'incontro tra l'azienda e la sua organizzazione sindacale". La Fiat, prosegue la nota della casa automobilistica torinese, "nella riunione di oggi ha chiaramente detto che rispetterà la sentenza della Corte Costituzionale la cui applicazione non puo' che essere di competenza dei giudici di merito, non certamente di Landini. Le dichiarazioni del segretario della Fiom di oggi sono la testimonianza che è impossibile tenere rapporti normali con la sua organizzazione che peraltro non tiene alcun conto della posizione degli altri sindacati che rappresentano la maggioranza dei lavoratori della Fiat".

Tags:
fiatconsulta. landini

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.