A- A+
Economia
"Una tantum da 15 € irricevibile". E' rottura tra Fiat e i sindacati

Nulla di fatto nella trattativa tra Fiat e sindacati sul contratto collettivo aziendale. Le parti sono tornate a riunirsi all'Unione Industriale di Torino ma il nodo sulla parte economica non è stato sciolto: i sindacati hanno ritenuto non sufficiente la proposta avanzata dall'azienda. Fim, Uilm e Fismic, i sindacati del "sì" (senza la Fiom-Cgil) avevano proposto un aumento mensile una tantum di 30 euro. L'azienda si è fermata a 15. Un proposta che i sindacati hanno definito "irricevibile".

"Le distanze sono troppo ampie, abbiamo interrotto l'incontro. Non c'è una data per rivederci", spiega il segretario nazionale Fismic, Roberto Di Maulo. L'aumento contrattuale di cui si discute è uguale per tutti gli 86 mila addetti di Fiat-Chrysler in Italia e dovrebbe rappresentare la seconda di tre tranche per il triennio 2013-2016.

Tags:
fiatsindacatimarchionne
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.