A- A+
Economia
Fisco,Di Maio: carcere per gli evasori. Ma la sua ricetta fa acqua.Ecco perchè
La proposta del vicepremier Luigi Di Maio di evitare l'aumento dell'Iva recuperando risorse dalla "lotta alla grande evasione, con il carcere ai grandi evasori"? "E' demagogica e sicuramente inefficace, perché  un’efficace lotta al fenomeno deve basarsi su un altrettanto efficace azione amministrativa, sulla certezza delle sanzioni non penali, su una corretta informazione dei contribuenti e sulla definizione di strumenti all’interno della cosiddetta intelligence fiscale”. Lo spiega ad Affaritaliani.it Carlo Garbarino (nella foto subito sotto), professore di diritto tributario e direttore dell'Osservatorio Fiscale dell'Università Bocconi, secondo cui "il recupero dell’evasione non è uno strumento congiunturale di raccolta del gettito da dedicare a questo o a quel fine di spesa pubblica, ma è una caratteristica strutturale del sistema fiscale". Ecco perché.
 

IMG 8338
 

L'INTERVISTA

A inizio maggio, il vicepremier Luigi Di Maio ha annunciato che il governo "potrà contrastare l'aumento dell'Iva anche con una seria lotta alla grande evasione, con il carcere ai grandi evasori”. Sono anni che dagli esecutivi di turno sentiamo parlare di “seria lotta all’evasione”, ma poi le cifre di sommerso ed evasione reale rimangono elevate. E’ plausibile quanto afferma il ministro per lo Sviluppo economico? 
“Fermo restando che l’evasione fiscale rimane un fenomeno altamente riprovevole, da perseguire e quindi oggetto anche di sanzioni penali, come avvenuto regolarmente negli ultimi decenni, ogni volta che si affronta il problema dell’evasione fiscale, la proposta, spesso demagogica e sicuramente inefficace della politica è quella d’invocare il carcere per gli evasori, quando un’efficace lotta al fenomeno deve basarsi su molti altri strumenti. Rimanendo inteso che i reati fiscali sono un elemento che non deve essere eliminato”.
 
di maio tria
 
Quali sono gli altri strumenti che ritiene più efficaci?
“Sono un’efficace azione amministrativa, la certezza delle sanzioni non penali, una corretta informazione dei contribuenti e la definizione di corretti strumenti all’interno della cosiddetta intelligence fiscale”. 
 
Perché sono più efficaci?
“Questa pletora di strumenti è più efficiente rispetto alla fattispecie reato perché, come dimostrano consolidate ricerche, la riprovevolezza penale e l’elevatezza delle sanzioni non sono lo strumento determinante per garantire una corretta e diffusa compliance dei contribuenti, ivi specie se è di piccole dimensioni”. 
 

giorgetti conte
 

Secondo i dati della commissione ad hoc del Tesoro presieduta dall’ex presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, l’economia sommersa equivale a circa 200 miliardi di euro e l’evasione reale invece a circa 73,2 miliardi. Quanto di queste risorse è recuperabile?
“Sono valutazioni estremamente complesse che spettano alle istituzioni. Ma nel corso degli anni, con un’azione amministrativa costante ed efficace, una gran parte è sicuramente recuperabile”. 
 
Si è in tempo anche per la prossima legge di Stabilità che va preparata in autunno, visto che le clausole di salvaguardia sull’Iva equivalgono per il 2019 a 23,1 miliardi e scatterebbero il primo gennaio del prossimo anno?
“Soltanto un processo penale impiega dai 2 ai 4 anni. Il recupero dell’evasione non è uno strumento congiunturale di raccolta del gettito da dedicare a questo o a quel fine di spesa pubblica, ma è una caratteristica strutturale del sistema fiscale. Valgono elementi di tempo e di compliance indotta nel contribuente: non è che inasprendo le pene per i reati fiscali, il giorno dopo è possibile incassare le risorse che servono alle esigenze immediate di finanza pubblica. Ci vuole tempo. C’è un altro fattore poi da tenere in considerazione”.
tesoro
 
Quale?
“Una volta che scatta il carcere per un contribuente che ha evaso le imposte negli ultimi cinque anni, il Fisco ha represso e sanzionato il colpevole, ma non ha recuperato immediatamente il gettito”. 
 
Ma la compliance aumenterebbe in futuro? 
“L’effetto deterrente delle sanzioni penali sul contribuente è tutto da valutare, ma quello che in questo caso conta è l’effetto tempo: non serve per raccogliere il gettito a breve e comunque anche a medio-lungo termine è più importante l’efficacia dell’azione amministrativa. Fa parte della demagogia politica annunciare sanzioni penali per gli evasori perché soprattutto in questo momento paga in termini elettorali”. 

twitter11@andreadeugeni
Commenti
    Tags:
    fiscotasseevasione fiscaleaumenti ivacompliance fiscaleeconomia sommersacarcere reati fiscalicarlo garbarino università bocconiluigi di maiolegge di stabilità
    Loading...
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Toyota apre il pre-booking di Nuova Yaris Cross Hybrid

    Toyota apre il pre-booking di Nuova Yaris Cross Hybrid

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.