A- A+
Economia

Le borse europee chiudono contrastate in linea con l'andamento incerto di Wall Street, che ancora deve prendere le misure alle conseguenze del 'sequester', i tagli alla spesa automatici da 85 miliardi di dollari scattati in Usa nel fine settimana per l'incapacita' del Congresso di trovare un compromesso sulla materia. Pesa anche il calo dell'indice Sentix sulla fiducia degli investitori nell'Eurozona, che ha interrotto il trend positivo. E perdura la preoccupazione degli investitori per la confusa situazione politica in Italia. L'incertezza politica continua a far allargare anche allo spread. Il differenziale di rendimento tra Btp decennali e omologhi tedeschi termina la seduta a 346 punti, dopo aver toccato in apertura un massimo di 351 punti, un livello al quale non si assisteva dallo scorso autunno. Il rendimento e' al 4,87%. Lo spread Bonos/Bund si attesta a 368 punti per un tasso del 5,09%.

A indossare la maglia nera è quindi Piazza Affari, dove l'indice Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,85% a 15.542,17 punti a causa dei forti ribassi dei titoli bancari, legati in parte al divaricamento dello spread. Perdite minori per il Dax di Francoforte, che cede lo 0,21% a 7.691,68 punti, e l'Ftse 100 di Londra, che arretra dello 0,52% a 6.345,63 punti. Brilla invece l'Ibex di Madrid, che riesce a segnare un progresso dello 0,72% a 8.246,3 punti, in virtu' della tenuta del comparto finanziario.

Il rialzo di Parigi, dove il Cac 40 cresce dello 0,27% a 3.709,67 punti, e' invece influenzato dall'impennata di alcuni titoli isolati, come Veolia e France Telecom, che guadagnano entrambe oltre il 6%, la prima grazie alla soddisfacente trimestrale, la seconda grazie all'upgrade di Morgan Stanley.

A Piazza Affari, tra le banche, ancora venduta Mediobanca (-4,57%) debole dal giorno dell'approvazione della semestrale, Unicredit -2,51%, Monte Paschi -3,25%, Intesa -3,22%. Bene solo Bper (+2,72%). In grave difficolta' Mediaset, che accusa un -6,53%. Tra i media negativi anche L'espresso (-3,61%) e Rcs (-3,11%). Positivo il lusso con Ferragamo (+2,14%), Luxottica (+1,88%) e Cucinelli (+6,20%), ma Geox scivola (-5,05%). Male Fiat (-2,54%) dopo i dati diffusi venerdi' sera sul calo delle immatricolazioni a febbraio. Nel giorno della cessione de La7, ferma Telecom (+0,09%), mentre Ti Media accusa un -6,44%, con gli operatori che speravano in un rilancio di Clessidra.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mercatiborsespread
i più visti
in evidenza
Gravidanza e bacio a Rosolino Fede Pellegrini, la verità

La Divina vuota il sacco

Gravidanza e bacio a Rosolino
Fede Pellegrini, la verità


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.