A- A+
Economia
Già funziona la cura Draghi. L'Eurozona crescerà di più. Qe al via il 9 marzo. Spread sotto 100

di Andrea Deugeni
twitter11
@andreadeugeni

Spread sotto 100 punti/ Reazione positiva del mercato azionario e obbligazionario europeo alle parole del presidente della Bce, Mario Draghi, che ha annunciato l'avvio del programma di quantitative easing per lunedì prossimo. Lo spread tra Btp e Bund decennali ha toccato il minimo di seduta, stringendosi fino a 93 punti base da 102 punti base della chiusura di ieri, riportandosi al minimo da maggio 2010 già segnato lunedì. Il tasso del decennale italiano è sceso all'1,35% dall'1,394% di ieri sera.

E' passato solo un mese da quanto finalmente la Bce ha rotto gli indugi annunciando l'avvio del programma di acquisto di titoli di Stato, quantitative easing (che partirà effettivamente il 9 marzo) e già gli effetti delle misure di politica monetaria non convenzionale sull'economia reale di Eurolandia iniziano a vedersi. In una Nicosia (Cipro) che ha accolto i banchieri centrali dell'area euro in una delle riunioni itineranti del Consiglio direttivo dell'Eurotower, il presidente della Bce Mario Draghi ha aperto la conferenza stampa spiegando che il meccanismo delle aspettative ha già iniziato a lavorare.

 

Le manovre della Bce, insieme al calo del prezzo del petrolio, ha spiegato infatti Draghi "stanno aiutando la crescita". Per questo gli economisti dell'Eurotower hanno rivisto decisamente in meglio le loro stime di dicembre 2014 sul Pil dell'Eurozona, con un +1,5% per quest'anno, +1,9% per il prossimo e +2,1% per il 2017.

A fine 2014 indicavano un'espansione dell'1% nel 2015 e dell'1,5% nel 2016. Modificando leggermente la formula di rito, il governatore ha ammonito che "i rischi riguardanti l'outlook economico restano al ribasso, ma sono in diminuzione". Quanto ai prezzi, la cui stabilità è centrale nel mandato Bce, Draghi ha pronosticato che "saliranno gradualmente alla fine dell'anno": si prevede una inflazione a zero nel 2015 (a dicembre era 0,7%), a +1,5% nel 2016 (a dicembre era 1,3%) e +1,9% nel 2017.

Nell'annunciare i dettagli del programma che nei piani dell'Eurotower nei prossimi 18 mesi (almeno) deve incentivare una ripresa dell'inflazione, Draghi ha ricordato che il quantitative easing ha una potenza di fuoco di 60 miliardi di euro al mese. Verrà protratto fino a settembre 2016, ma il presidente della Bce ha ripetuto che si potrebbe andare oltre qualora l'inflazione non si avvicinasse all'obiettivo vicino al +2%.

Tags:
draghibceqeripresaeurozona
i più visti
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.