A- A+
Economia
Vendite e ricavi in crescita per Kering. Ma non si ferma la crisi di Gucci

Una notizia buona e una cattiva per il multimiliardario Francois-Henri Pinault, presidente e direttore generale del colosso del lusso Kering. Partiamo dalla buona, che è anche quella più importante. I primi nove mesi si sono chiusi in crescita per il gruppo francese: i ricavi sono stati pari a 7,3 miliardi in rialzo del 4,2% a perimetro e tassi comparabili. Il solo terzo trimestre  è stato archiviato con un giro d'affari di 2,6 miliardi di euro, in crescita del 3,3% (a perimetro e tassi costanti +4,4%).

Buona la performance della divisione 'Lusso' che mette a segno un aumento delle vendite del 3,5% (sempre a tassi comparabili), grazie ai buoni risultati soprattutto in America del Nord e Giappone. Bene anche le attivita' della divisione "Sport & Lifestyle", che sono aumentate del 6,1%, soprattutto grazie a Puma.

"La crescita regolare delle vendite, trimestre dopo trimestre, testimonia la pertinenza della nostra strategia. Le attivita' 'Lusso' (tra cui Gucci) mostrano resistenza in un contesto economico complesso. La divisione Sport & Lifestyle vanta vendite positive, sostenute dagli sforzi di marketing di Puma, il cui piano di rilancio ha prodotto effetti positivi. Il dinamismo del gruppo ci consente di guardare con serenita' all'implementazione della nostra strategia", ha commentato Pinault.

E veniamo alla cattiva notizia. Se si esaminano nel dettaglio i risultati della divisione 'Lusso' si vede che il marchio di punta del gruppo, Gucci, ha registrato un calo dei ricavi del 3,5% nei nove mesi, fermandosi a 2,52 miliardi. I risultati trimestrali sono stati in linea con quelli del trimestre precedente, evidenziando così che la ripresa della maison fiorentina stenta a concretizzarsi. Le vendite hanno registrato infatti un aumento marginale e decisamente inferiore alle attese, mettendo a segno il tasso di crescita più basso dal terzo trimestre 2009.

E' invece andata bene invece Bottega Veneta con un rialzo delle vendite del 10% a tassi variabili e dell'11% a tassi costanti. E, sempre tra i marchi della divisione Lusso si e' distinto Yves Saint Laurent, che ha realizzato un balzo delle vendite del 28% a tassi comparabili.

La divisione 'Lusso' ha vantato un progresso delle vendite del 6% nei negozi di proprieta'. In America del Nord e in Giappone i negozi di proprieta' hanno registrato un progresso rispettivamente del 12% e del 7%, mentre i Paesi emergenti hanno messo a segno un piu' modesto +4%, "malgrado le condizioni di mercato difficile nell'area Asia-Pacifico", sottolinea la nota del gruppo. A fine settembre Kering contava per la divisione Lusso 1.195 negozi

Tags:
guccikeringtrimestralemoda
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.