A- A+
Economia
I Benetton possono fare a meno... della Benetton: lo dicono i numeri

I Benetton possono fare a meno... della Benetton: lo dicono i numeri

Ha fatto molto rumore, nei giorni scorsi, l’uscita di scena di Luciano Benetton, “patriarca” della celebre casa di moda trevigiana, dalla guida del gruppo a 89 anni. La cronaca mediatica si è concentrata sulla querelle sostanziale tra Benetton senior e il suo gruppo di manager. Ma il vero dato economico è un altro: con il passaggio di mano da parte di Luciano Benetton, la strada è spianata definitivamente al figlio Alessandro, il quale da un paio d’anni sta imprimendo una rivoluzione manageriale al gruppo.

I Benetton possono fare a meno... della Benetton

E ora con l’addio di Luciano, alla soglia dei novant’anni, e con l’annuncio di un piano di sostegno da oltre 300 milioni di euro da parte della holding Edizione, che racchiude le partecipazioni, si può finalmente dire l’indicibile: per i Benetton tutto ciò che è nell’orbita dell’impero finanziario di casa conta più…della Benetton azienda. Alessandro, chiamato nel 2022 alla guida dell’impero di Piazza Duomo, è in un certo senso la scelta più felice di Luciano, che nel 2018 gli spianò la strada ai vertici di Edizione dopo che la morte dei fratelli Carlo e Gilberto mise il gruppo in tensione in un anno orribile per il gruppo, funestato dalla tragedia del Ponte Morandi che colpì duramente Atlantia, allora concessionaria autostradale di punta e azionista di maggioranza di Autostrade per l’Italia.

Edizione, un conglomerato che sfiora i 18 miliardi di euro

La rivoluzione manageriale iniziata nel 2018 si è palesata con forza nel 2022, quando Alessandro Benetton è asceso alla guida di Edizione come amministratore delegato. Il gruppo controlla e coordina grandi partecipazioni. Edizione controlla Autogrill e, tramite Atlantia, il gruppo delle autostrade spagnole Abertis, la società Aeroporti di Roma, il 40% dell’Aeroporto di Nizza, il 12% del gigante europeo delle torre per le telecomunicazioni Cellnex. I Benetton sono azionisti in Mediobanca e Generali e tra 2022 e 2023 hanno cambiato gradualmente schieramento: dal sostenere la sfida di Delfin a Mediobanca nel Leone di Mogliano Veneto sono passati a un atteggiamento di maggior collaborazione con Alberto Nagel e il suo management, sostenuto a ottobre nella battaglia per la rielezione. Edizione controlla un conglomerato di società dal valore che sfiora i 18 miliardi di euro entro cui Benetton, con circa 750 milioni di fatturato, è un centro minore di ricavi ma grande di perdite.

Le perdite di Benetton? Luciano indica la luna, ma...

Passare la mano da Luciano a Alessandro, tramite il ritorno in capo alla holding della ristrutturazione aziendale del gruppo, non è un passaggio scontato ma è segnato dall’uscita di scena di Luciano. In cui il dito che indica la luna è il dato polemico sulle perdite di Benetton e le sue cause. La Luna è l’attestazione di una duplice svolta: Benetton è un cognome di manager prima che un’azienda di moda. E Alessandro vuole “militarizzare” la gestione della holding facendola giocare tra i grandi della finanza internazionale. Come confermano le mosse su Mediobanca, la nomina di manager legati ad alti consessi globali come Giampiero Massolo, ex direttore dei servizi e presidente dell’Ispi oggi presidente di Atlantia, e la visione internazionale di un gruppo che con Cellnex e Abertis è a tutti gli effetti un campione europeo. Una svolta che Luciano Benetton non ha solo avallato, ma anche, col senno di poi, programmato.






in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.