A- A+
Economia
I miliardari fanno le valigie per Londra. Ecco chi abita nella City

Il boom economico, il beato isolamento di Londra rispetto alla crisi che ha funestato l'Europa negli ultimi 6 anni, una giustizia che funziona e la pressione fiscale contenuta. Francois-Henri Pinault, presidente di Kering, colosso francese del lusso che in Italia controlla marchi come Gucci, Bottega Veneta, Sergio Rossi, Brioni e Pomellato e la moglie Salma Hayek (attrice) vanno ad aggiungersi alla folta schiera di miliardari che stanno prendendo casa a Londra.

La ricchezza accumulata dai mille più facoltosi residenti del Regno Unito è raddoppiata dal 2009, livello che ha raggiunto, secondo una classifica appena stilata dal Sunday Times, quota 763 miliardi di euro e il Paese ospita ben 117 miliardari contro i soli 43 che abitano in Francia, cifra in crescita del 12% rispetto allo scorso anno e club ristretto che ha in portafoglio oltre 450 miliardi di euro, più del Pil dell'intera Irlanda o del Sud Africa.

ECCO I MILIARDARI CHE ABITANO A LONDRA:

blavatnikLen Blavatnik, proprietario della Warner Music
 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pinaultkearing
i più visti
in evidenza
BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

Scatti d'Affari

BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la nuova Micra elettrica

Nissan svela la nuova Micra elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.