A- A+
Economia

 

 

casa immobile condominio 500 (3)

Lo scontro sotterraneo nella maggioranza sull'agenda economica del governo riemerge ancora sul Decreto legge sull'Imu, in attesa di essere convertito in legge entro il 30 ottobre. Le commissioni Bilancio e Finanze della Camera sono giunte alle battute finali dell'esame del provvedimento che attende il via libera dell'aula di Montecitorio e poi del Senato.

Riammesso l'emendamento del Pd al decreto Imu all'esame della Camera, che prevedeva la riduzione della platea di esenti al di sotto del tetto di una rendita catastale pari a 750 euro per la prima casa, e' stato riammesso. Lo hanno deciso i presidenti delle Commissioni Bilancio e Finanze, il Pd Francesco Boccia e il Pdl Daniele Capezzone. 

E' stata esclusa solo la parte dell'emendamento che destinava i maggiori introiti derivanti dalla riduzione dell'esenzione al ripristino dell'aliquota Iva dal 22% al 21%. Nella nuova formulazione la modifica prevede, con le entrate recuperate, di dotare di 50 milioni aggiuntivi il fondo affitti per il 2013 e di aumentare il rifinanziamento della Cassa integrazione in deroga da 500 a 900 milioni.

Tra le proposte bocciate dai presidenti delle Commissioni anche quella del Pd di tassare al 50% dell'irpef gli immobili non affittati e utilizzare le risorse per sconti alle imprese e agli inquilini.

Passa invece l'esame delle due Commissioni l'emendamento proposto dai deputati democratici Rughetti e Guerini. La modifica prevede un aumento dell'aliquota applicata agli immobili di banche e assicurazioni dal 7,6 all'8,6% e assimila alla prima casa le abitazioni date in comodato gratuito ai parenti di primo grado, genitori, figli, fratelli.

Tags:
imucase lussopdpdltasse
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.