A- A+
Economia
Donne con figli, 5.700 € in meno sugli stipendi in 15 anni

Dal 2012 al 2019, i benefici di maternità sono in continuo calo. Secondo il rapporto annuale dell'Inps, si calcolano 80.000 benefici in meno: in sette anni sono stati erogati 2.755.736 congedi di maternità. La riduzione è più accentuata nella fascia di età femminile più fertile che tradizionalmente si considera da 25 a 34 anni, che passa da 216.125 a 166.732. La fascia di età più matura che comprende beneficiarie sopra i 45 anni mostra invece una crescita, "in connessione ad una sempre più spiccata propensione a ritardare la gravidanza tra le donne lavoratrici". La categoria a cui vengono erogati più benefici è quella delle lavoratrici con contratto a tempo indeterminato: questo perché le donne procastinano la maternità finchè non hanno certezza del posto di lavoro.        

L’Inps nota poi un’influenza negativa del contratto a tutele crescenti, percepito come meno sicuro rispetto al contratto a tempo indeterminato: “esistono studi che mostrano come la fertilità sia negativamente correlata alla condizione di precarietà dell’impiego e più in generale all’incertezza lavorativa; è quindi probabile che i lavoratori con contratto a tempo indeterminato dopo il 2015 siano meno propensi a fare figli rispetto a coloro che avevano lo stesso contratto prima del 2015”.

"Gli effetti della maternità sono pertanto evidenti e si manifestano non solo nel breve periodo - ha fatto notare Tridico - ma persistono anche a diversi anni di distanza dalla nascita del figlio”.
In termini percentuali, la perdita di lungo periodo nei salari annuali determinata dalla nascita di un figlio è pari al 53%, di cui il 6% dovuto alla riduzione del salario settimanale, l’11,5% dovuto al part-time e il 35,1% dovuto al minore numero di settimane retribuite. 
Secondo Tridico, “sarebbe utile prevedere ad esempio uno sgravio contributivo per donne che rientrano in azienda dopo una gravidanza, aiutando così l’occupazione femminile e riducendo le possibilità di indebite pressioni sulle scelte delle lavoratrici. Per ogni neoassunta, entro tre anni dall'assunzione, che vada in maternità e rientri al lavoro, l'azienda otterrebbe un esonero contributivo per tre anni”.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    inpsmaternitàsussidifiglidonnepercentuali
    i più visti
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.