A- A+
Economia
Ripresa, fiducia delle imprese al top da tre anni

L'indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane a marzo cresce a 89,5 da 88,2 di febbraio. Lo comunica l'Istat. L'andamento dell'indice complessivo rispecchia un miglioramento della fiducia delle imprese dei servizi di mercato e, piu' lievemente, delle imprese manifatturiere; risulta invece in diminuzione la fiducia delle imprese di costruzione e di quelle del commercio al dettaglio. L'indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere sale a 99,2 da 99,1 di febbraio. Rimangono stabili le attese di produzione (5 il saldo) e migliorano i giudizi sugli ordini (da -25 a -23); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino passa da -3 a -1. L'analisi del clima di fiducia per raggruppamenti principali di industrie (Rpi) indica un miglioramento dell'indicatore per i beni strumentali (da 97,7 a 98,2) e un lieve peggioramento per i beni di consumo (da 99,5 a 99,4); per i beni intermedi l'indicatore rimane invariato a 100,4.

L'indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende a 75,8 da 76,9 di febbraio. Migliorano le attese sull'occupazione (da -21 a -18 il saldo), mentre peggiorano i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (da -50 a -54 il saldo). L'indice del clima di fiducia delle imprese dei servizi continua a crescere, attestandosi a 92,4 da 90,3 di febbraio. Migliorano le attese sull'andamento dell'economia in generale (da -26 a -22 il saldo) e i giudizi sugli ordini (da -12 a -10 il saldo); peggiorano lievemente, invece, le attese sugli ordini (da -2 a -3 il saldo). Nel commercio al dettaglio, l'indice del clima di fiducia scende, passando a 94,6 da 96,3 di febbraio. L'indice diminuisce nella grande distribuzione (da 97,2 a 92,4), rimane stabile in quella tradizionale (a 96,3). Nel mese di marzo l'indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese manifatturiere si attesta a 99,2, da 99,1 del mese precedente. I giudizi sugli ordini migliorano e le attese di produzione rimangono invariate; il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino passa da -3 a -1.

L'indice del clima di fiducia sale da 97,7 a 98,2 per i beni strumentali, scende da 99,5 a 99,4 per i beni di consumo e rimane stabile a 100,4 per i beni intermedi. I giudizi sugli ordini migliorano in tutti i principali raggruppamenti di industrie e il saldo dei giudizi sulle scorte di prodotti finiti aumenta per i beni di consumo, mentre diminuisce per i beni intermedi e per quelli strumentali. Le attese sulla produzione migliorano nei beni intermedi e nei beni strumentali ma peggiorano nei beni di consumo. L'indice del clima di fiducia del settore manifatturiero sale nel Centro (da 95,4 a 98,1), mentre scende nel Nord-ovest (da 104,5 a 103,5), nel Nord-est (da 99,4 a 98,9) e nel Mezzogiorno da (90,5 a 90,2). I giudizi sugli ordini peggiorano nel Mezzogiorno e migliorano nelle altre ripartizioni; quelli sulle scorte di magazzino presentano saldi in aumento nel Nord-ovest e nel Nord-est, in diminuzione nel Centro e stabili nel Mezzogiorno.

Le attese di produzione peggiorano nel Nord-ovest ma migliorano nelle altre ripartizioni. Secondo le indicazioni derivanti dalle consuete domande trimestrali rivolte alle imprese manifatturiere che svolgono attivita' d'esportazione, nel primo trimestre dell'anno migliorano sia i giudizi sia le attese sul fatturato. Scende da 8 a 7 il saldo destagionalizzato relativo al rapporto fra prezzi all'export e interni; scende dal 31% al 30% la quota delle imprese interpellate che lamenta la presenza di significativi ostacoli all'attivita' di esportazione; tra questi ostacoli diminuiscono di importanza quelli legati ai costi, ai tempi di consegna, ai finanziamenti e alla qualita' dei prodotti, ma aumentano quelli legati ad altri motivi. Tra le destinazioni delle esportazioni delle imprese aumenta leggermente l'incidenza dei paesi Ue. La Germania, la Francia e la Cina continuano ad essere considerate dalle imprese italiane tra i maggiori concorrenti internazionali.

A marzo l'indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende a 75,8 da 76,9 di febbraio; migliorano le attese sull'occupazione (da -21 a -18, il saldo) ma peggiorano i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (da -50 a -54). L'indice del clima di fiducia sale a 79,8 da 76,0 nell'ingegneria civile e a 90,9 da 84,4 nei lavori di costruzione specializzati ma scende a 59,3 da 66,5 nella costruzione di edifici. I giudizi sugli ordini migliorano leggermente nei lavori di costruzione specializzati (da -53 a -52), peggiorano nella costruzione di edifici (da -57 a -66) e rimangono stabili nell'ingegneria civile (a -24); le attese sull'occupazione migliorano nell'ingegneria civile e nei lavori di costruzione specializzati (da -26 a -19 e da -20 a -12, rispettivamente) mentre peggiorano nella costruzione di edifici (da -21 a -25). L'indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese dei servizi continua a crescere, attestandosi a 92,4 da 90,3 di febbraio. Migliorano le attese sull'andamento dell'economia in generale (da -26 a -22, il saldo) e i giudizi sugli ordini (da -12 a -10, il saldo); peggiorano lievemente le attese sugli ordini (da -2 a -3 il saldo). Circa l'occupazione, recuperano i giudizi (da -23 a -12, il saldo), ma non le attese che restano ferme a -8; sale il saldo delle aspettative sulla dinamica dei prezzi di vendita (da -12 a -10). Nel dettaglio, gli indici settoriali del clima di fiducia aumentano sensibilmente nei servizi turistici (da 74,3 a 90,3) e in quelli alle imprese (da 82,4 a 92,0), grazie alla progressione di tutte le componenti dell'indice, particolarmente evidente nei saldi relativi alle attese sull'andamento dell'economia in generale (da -42 a -15 e da -30 a -19, rispettivamente). Gli indici settoriali diminuiscono, invece, nei trasporti e magazzinaggio (da 114,8 a 113,8) e nei servizi di informazione e comunicazione (da 85,5 a 75,0).

Nel primo caso, il risultato e' dovuto alla contrazione del saldo relativo alle attese sull'andamento dell'economia in generale (che scende da 10 a 0); nel secondo caso, la diminuzione dei saldi e' estesa a tutte le componenti del clima. Riguardo l'analisi territoriale, il clima di fiducia cresce in tutte le ripartizioni (da 86,6 a 99,3 nel Nord-ovest; da 77,3 a 86,2 nel Nord-est; da 91,1 a 93,6 nel Mezzogiorno) tranne che al Centro, dove passa da 101,0 a 89,4. Nel commercio al dettaglio l'indice del clima di fiducia passa da 96,3 (in febbraio) a 94,6. In particolare, diminuiscono i saldi dei giudizi e delle aspettative sulle vendite correnti e future e risulta in recupero quello relativo alle giacenze di magazzino (rispettivamente, da -26 a -27, da 0 a -2, da -4 a -2). Disaggregando i dati per tipologia distributiva, l'indicatore di fiducia peggiora nella grande distribuzione (da 97,2 a 92,4) e si conferma sui valori dello scorso mese in quella tradizionale (96,3). Nella prima, torna a diminuire il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (da -6 a -16) e resta stabile quello delle attese sulle vendite future (5); nella seconda, recupera il saldo dei giudizi sulle vendite correnti (da -40 a -38), ma peggiora quello relativo alle attese sulle vendite future (da -5 a -9). Quanto, per concludere, alle scorte di magazzino, il saldo della variabile passa da -7 a -2, nella grande distribuzione e da 0 a -2, in quella tradizionale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
istatfiduciaimprese
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.