A- A+
Economia
La casa di proprietà? Un cattivo investimento. Ecco perché
Cesare Rosati

La casa di proprietà? Un cattivo investimento. Ecco perché

Privilegio, indice di successo e stabilità (anche economica) per l’avvenire.

Per decenni la casa di proprietà ha rappresentato il sogno e un porto sicuro per intere generazioni, arrivando a imporsi come il più diffuso status symbol sociale d’occidente.

È soprattutto in Europa che la statistica si intensifica: le stime di Eurostat, l’ufficio statistico ufficiale dell’UE, evidenziano come nel continente quasi 7 persone su 10 vivano in case di proprietà, in immobili spesso liberi da mutui e ipoteche di varia natura.

Un dato, questo, che vede il nostro Paese tra le prime 5 nazioni in Europa (75% di proprietari) e con una percentuale molto superiore alla media dell’Eurozona (66%).

Se il mattone ha incarnato storicamente l’idea stessa dell’investimento sicuro e duraturo, le nuove abitudini sociali ed economiche hanno dato vita negli ultimi anni a dinamiche del tutto inattese.

Come spiega Cesare Rosati, investitore e autore del libro “Io investo in immobili” dedicato alla gestione della proprietà immobiliare, “comprare casa è oggi, a tutti gli effetti, un cattivo investimento. Dal denaro investito in un immobile con finalità abitative si ottiene uno stallo, ovvero un blocco della liquidità, o ancora più spesso un debito con le banche”.

Il trend è confermato da una ricerca di InfoData, che incrociando i dati Eurostat con il Pil pro capite dei vari Paesi ha fatto emergere una realtà apparentemente controintuitiva, eppure sempre più radicata: nei Paesi più floridi al mondo, quelli in cui la ricchezza personale è più alta e distribuita tra i cittadini, la percentuale di proprietari di casa si abbassa sensibilmente.

Il caso europeo è emblematico: in cima alla classifica dei Paesi con meno proprietari si trova la Svizzera (43,40% a fronte di un Pil pari a 161, seguito da Germania e Austria), all’altro opposto svetta la Romania in cui oltre il 95% delle persone dispone di una casa di proprietà.

Lo scenario attuale è diametralmente opposto rispetto al passato. Comprando casa – prosegue Rosati – tutti i propri risparmi (inclusi quelli futuri) vengono destinati a un unico investimento, che presenta due caratteristiche di fondo: è illiquido e altamente soggetto ai rischi di un mercato in cui gli immobili, è sotto gli occhi di tutti, tendono a perdere una parte significativa del loro valore dopo pochi anni”.

La soluzione migliore?

Secondo l’imprenditore Cesare Rosati è “cambiare approccio verso il mondo immobiliare, iniziando a considerare le opportunità di investimento che questo mercato presenta. Un gran numero di immobili a prezzo scontato può essere comprato, migliorato e rivenduto in poco tempo a un prezzo maggiore rispetto a quello di acquisto. Ciò genererà una liquidità sufficiente a coprire il costo di un affitto e garantisce ulteriore denaro da poter reinvestire, rendendo l’investimento realmente conveniente nel tempo”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    casa di proprietàcasevendita case
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory

    Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.