A- A+
Economia
landini marchionne

di Alberto Maggi
twitter@AlbertoMaggi74

All'indomani dell'incontro tra i vertici della Fiat e il presidente del Consiglio, Maurizio Landini - segretario generale della Fiom - si appella direttamente a Enrico Letta: "Chiedo che venga fatta rispettare la sentenza della Corte Costituzionale. La Fiat ha detto che la rispetterà quando i giudici gliela faranno rispettare, aspettiamo. Poi dico al governo e al Parlamento che serve una legge sulla rappresentanza sindacale".

Uno sciopero contro il Lingotto? "Lo abbiamo appena fatto il 28 giugno, quando abbiamo avuto un incontro con la presidente della Camera. Prima bisogna far rispettare la Costituzione. E mi auguro che anche gli altri sindacati vogliano applicare la sentenza, sarebbe utile anche per loro. C'è poi un vuoto legislativo e serve che si faccia una legge sulla rappresentanza. E' un problema generale e nazionale, non solo della Fiat".

Landini insiste: "Chiedo che Letta faccia il presidente del Consiglio, come ha fatto Obama e come hanno fatto in Germania e in Francia. Il premier impedisca che il più grande gruppo si trasferisca all'estero e si impegni per far rispettare le sentenze della Corte e la legge. La Fiom non ha mai abbandonato il tavolo né rifiutato di trattare - l'ultima volta non c'era Marchionne perché ha preferito andare a Detroit - , altri si inventano cose contro la Costituzione per escludere alcuni sindacati. Se gli accordi sono buoni li firmiamo. Alla Fiat, inoltre, chiediamo anche di far rientrare i tre lavoratori di Melfi: non sono sabotatori e hanno subito un licenziamtno ingiustificato. La Corte ha sancito che tornino al lavoro", conclude Landini ad Affaritaliani.it.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lettalandinifiomfiat
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.