A- A+
Economia
Legalità e merito, Luiss premia gli studenti

Luiss premia gli studenti: dalla cittadinanza attiva all’immigrazione, dal contrasto alla corruzione alla lotta alle mafie: una riflessione sulle tante ‘sfumature’ della legalità.

Questo il compito dei 500 studenti che hanno partecipato al progetto “Legalità e merito”, ideato dalla professoressa Paola Severino e promosso dalla Luiss in collaborazione con il Mius, il Ministero della Giustizia, e frutto di un protocollo d’intesa con il Cdm, L’Anac e la Dna.

A partecipare alla cerimonia conclusiva di questa iniziativa giunta alla seconda edizione il Premier Giuseppe Conte, il ministro della giustizia, Alfonso Bonafede, Emma Marcegaglia, presidente Luiss, Raffaele Cantone, presidente Anac.

“L'illegalità ha un costo etico-sociale e senz'altro economico, vuol dire far venir meno la certezza, minare il funzionamento dei mercati e le imprese migliori - ha spiegato Marcegaglia -. Il progetto aumenta il capitale sociale, è un dialogo tra giovani e giovanissimi e rappresenta uno strumento per alimentare il valore delle regole. Quest'anno per la prima volta ha coinvolto anche i ragazzi reclusi a Nisida e Casal del marmo, ragazzi che hanno commesso gli errori ma che vogliamo aiutare in un cammino rieducativo”

VIDEO - Marcegaglia: “Iniziativa grande lavoro di condivisione”

“Non possiamo più limitare il concetto di legalità a quello di legalismo o addirittura di ‘legoralità’ - ha sottolineato il premier Conte - Legalità è cultura delle regole giuridiche, non solo della forma ma anche della sostanza. È innanzitutto il principio del rispetto dell'altro, della dignità, il principio di eguaglianza collegata alla dimensione della responsabilità.”

VIDEO - Conte: “Istituzioni devono lavorare per meritare fiducia”

L’obiettivo è promuovere e diffondere la cultura della legalità tra gli studenti delle scuole superiori, soprattuto negli istituti scolastici collocati in contesti di maggiore disagio sociale. Il progetto ha coinvolto 80 studenti della Luiss, 20 ricercatori, gli studenti di 20 Istituti superiori e i due istituti penali minorili di Nidisa (Napoli) e Casal del Marmo (Roma).  

“Un’iniziativa importante - spiega Cantone- perché la cosa fondamentale è aver mandato i ragazzi a parlare con i ragazzi. Inoltre io credo che in una democrazia non si possa fare a meno delle regole, perché stabiliscono diritti e doveri. Una società senza regole è una società da Far West.”

VIDEO - Cantone: “Codici appalti non si può sospendere”

Sul podio l'istituto superiore Caboto di Chiavari, che ha ideato la ‘Scala legale’, un gioco da tavolo dove si acquistano punti col rispetto delle regole, il liceo classico Garibaldi di Palermo, con un cortometraggio in memoria delle vittime di mafia e l'istituto penale minorile di Nisida con una riflessione sul ruolo delle istituzioni da parte dei giovani detenuti. In premio fondi per l'acquisto di materiale didattico e 21 borse di studio per le Summer School della Luiss.

Commenti
    Tags:
    luissmarcegaglialegalità merito luissconte luiss
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dal Covid-19 alla gravidanza I calcoli alternativi di Gallera

    Coronavirus vissuto con ironia

    Dal Covid-19 alla gravidanza
    I calcoli alternativi di Gallera


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    FORUM AUTOMOTIVE: il futuro è una mobilità più equilibrata

    FORUM AUTOMOTIVE: il futuro è una mobilità più equilibrata

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.