A- A+
Economia
Impiegata di un medico vince la causa. 500 mila € per 15 giorni di lavoro

Licenziata senza raccomandata con ricevuto di ritorno, ma si porta a casa ben mezzo milione di euro. C'è di più: aveva lavorato soltanto per due settimane. E' il caso di una segretaria di uno studio medico di Treviso che, dopo una lunga causa di lavoro, si è vista riconoscere dal tribunale la cifra perché all'epoca, il suo datore di lavoro le diede il benservito dopo i 15 giorni di prova con un semplice arrivederci e grazie, e non con la canonica raccomandata con ricevuta di ritorno come prevede la legge.

Il licenziamento era avvenuto nel 2004, anno in cui il medico specialista andò in pensione. Fatto questo che non ha influito sulla decisione finale del giudice del lavoro. Il suo assunto in poche parole è questo: non essendo stata licenziata con le forme "corrette" la donna risultava ancora dipendente dello studio.

Con il conseguente pagamento, da parte del professionista, di stipendio e contributi vari. Morale: sette anni dopo il conto, tra Inps, Inail ed Equitalia il conto è lievitato a mezzo milione. Per due sole settimane di lavoro.

Tags:
licenziamentoinpsequitalia
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.