A- A+
Economia
Alla ricerca di vita nell'universo, via libera al progetto italiano Andes

Andes, via libera al progetto spaziale italiano per la ricerca di vita nell'universo

Lo European Southern Observatory (Eso) ha firmato l'accordo con un consorzio internazionale guidato dall'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) per la progettazione e la costruzione di Andes, uno strumento di altissima tecnologia che sarà installato sull'Extremely Large Telescope (Elt) dell'Eso, in costruzione sulle Ande cilene.

"Andes verrà utilizzato per cercare segni di vita negli esopianeti e studiare le prime stelle che si sono accese nell'Universo, ma anche per testare le variazioni delle costanti fondamentali della fisica e misurare l'accelerazione dell'espansione dell'Universo", spiega l'Inaf.  

LEGGI ANCHE: Andes permetterà di realizzare indagini dettagliate delle atmosfere di esopianeti simili alla Terra

L'accordo e' stato firmato dal Direttore Generale dell'Eso, Xavier Barcons, e da Roberto Ragazzoni, presidente dell'Istituto Nazionale di Astrofisica, ente che guida il consorzio ANDES. Alla cerimonia della firma erano presenti anche Sergio Maffettone, Console Generale d'Italia a Monaco di Baviera, e Alessandro Marconi dell'Università di Firenze e associato Inaf, Principal Investigator di Andes, oltre ad altri rappresentanti dell'ESO, dell'INAF e del consorzio ANDES, che vede la partecipazione di Istituti, Università ed Enti di Ricerca di 13 Paesi. La firma ha avuto luogo presso il quartier generale dell'Eso a Garching, in Germania.  

"Andes è una macchina che sfrutta molte delle tecnologie sviluppate in Italia e che complementa gli sforzi che come Inaf stiamo facendo per individuare mondi alieni" commenta Ragazzoni, "poterne analizzare chimicamente la composizione delle atmosfere e' uno di quei problemi formidabili che mettono a dura prova la filiera tecnologica sia della ricerca che industriale. Anche se al limite delle sue capacità, potrebbe riuscire a fornire misure dirette della espansione dell'universo, ma certamente aprire nuovi quesiti che solleciteranno ulteriori sviluppi tecnologici, in un circolo virtuoso che l'Inaf porta avanti da tempo".

Precedentemente denominato Hires, Andes (ArmazoNes high Dispersion Echelle Spectrograph) è un sofisticato spettrografo, uno strumento che divide la luce nelle lunghezze d'onda che la compongono in modo che gli astronomi possano determinare importanti proprietà degli oggetti astronomici, come la loro composizione chimica. Lo strumento avrà prestazioni senza precedenti nelle osservazioni in luce visibile e nel vicino infrarosso e, in combinazione con il potente sistema di specchi e ottica adattiva che costituiscono Elt, consentirà enormi passi in avanti nello studio dell'Universo.

"Andes è uno strumento con un enorme potenziale per scoperte scientifiche rivoluzionarie, che possono influenzare profondamente la nostra percezione dell'Universo ben oltre la comunità di scienziati", afferma Alessandro Marconi.  

Andes permetterà di realizzare indagini dettagliate delle atmosfere di esopianeti simili alla Terra, consentendo agli astronomi di analizzare la loro composizione, alla ricerca di tracce legate alla presenza di vita.

Sarà anche in grado di analizzare elementi chimici in oggetti lontani nell'Universo primordiale, rendendolo probabilmente il primo strumento in grado di rilevare le firme delle stelle di Popolazione III, le prime stelle in assoluto che si sono formate nell'Universo. Inoltre, gli astronomi saranno in grado di utilizzare i dati Andes per verificare se le costanti fondamentali della fisica variano nel tempo e nello spazio.

I suoi dati saranno utilizzati anche per misurare direttamente l'accelerazione dell'espansione dell'Universo, uno degli enigmi ancora insoluti dell'astrofisica. Il contributo di Inaf ad Andes, oltre alla responsabilità di gestione manageriale e ingegneristica del progetto a livello di sistema e di sviluppo software (con le sedi coinvolte di Trieste per il management, Milano per l'ingegneria del sistema e Bologna per la parte di collegamento scientifico), copre anche la progettazione e la successiva realizzazione opto-meccanica e software, di alcuni moduli che compongono Andes.  

In particolare, la sede Inaf di Firenze con i contributi di quelle di Trieste e Brera è responsabile sia del collegamento in fibra ottica che consentirà il passaggio della luce tra i vari moduli di Andes che del modulo di ottica adattiva. Oltre all'aspetto tecnologico, quello scientifico vede la partecipazione di ricercatrici e ricercatori di quasi tutte le sedi Inaf, con quella di Trieste responsabile anche del coordinamento del pacchetto scientifico che studierà le galassie e il mezzo intergalattico.  

Il telescopio Elt dell'Eso è attualmente in costruzione nel deserto di Atacama, nel nord del Cile. Quando entrerà in funzione alla fine di questo decennio, l'Elt sarà il più grande telescopio mai costruito al mondo, che aprirà letteralmente una nuova era nell'astronomia da Terra.






in evidenza
Anna Falchi-Andrea Crippa: finita Lei ha un nuovo amore misterioso

Relazione durata sei mesi

Anna Falchi-Andrea Crippa: finita
Lei ha un nuovo amore misterioso


motori
BMW M2: La nuova frontiera delle compatte sportive ad alte prestazioni

BMW M2: La nuova frontiera delle compatte sportive ad alte prestazioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.