A- A+
Economia
Manovra, tetto al cumulo reddito-pensione. Governo pronto alla fiducia

E' possibile che sulla legge di Stabilita' il governo chiedera' il voto di fiducia alla Camera. Lo ha detto il sottosegretario all'economia Pierpaolo Baretta, a Radio Anch'io. "Come sempre - spiega - questa decisione viene presa all'ultimo minuto, anche sulla base degli emendamenti. I tempi sono tali che e' possibile che ci sia. Noi dobbiamo chiudere entro qualche giorno, entro il 23 bisogna chiudere quindi o c'e' una condivisione di tutti i gruppi o se c'e' un inasprimento e' chiaro che dobbiamo garantire che la legge di stabilita' si chiuda nei tempi obbligatori".

Intanto è arrivato il via libera della commissione Bilancio della Camera a un emendamento che introduce un tetto di 300.000 euro al cumulo tra redditi da pensione e redditi da lavoro per i dipendenti pubblici. L'emendamento, presentato dal Pd e poi riformulato con l'ok del governo, prevede che il tetto del cumulo valga anche per "i vitalizi, anche conseguenti a funzioni pubbliche elettive". Mentre "sono fatti salvi i contratti in corso fino alla loro naturale scadenza". Infine, l'emendamento prevede che "gli organi costituzionali applichino i principi di cui al presente comma nel rispetto dei propri ordinamenti".

Non viene dunque previsto un divieto di cumulo, bensi' viene posto un tetto massimo. "Chi percepisce una pensione, se svolge anche un'altra attivita' pubblica, sa che non puo' andare oltre i 300.000", ha spiegato in commissione il relatore alla legge di stabilita', Maino Marchi.

PROROGATI  GLI INDENNIZZI ALLE AZIENDE IN CRISI - Via libera della commissione bilancio della Camera a un emendamento alla legge di Stabilita' che proroga di un anno, dal 2016 al 2017, gli indennizzi per le aziende in crisi.

ADDIO PRA, NASCE L'ARCHIVIO TELEMATICO NAZIONALE UNICO - Non piu' due banche dati, quella del Pra e dell'archivio automobilistico della motorizzazione, ma un unico archivio telematico nazionale. E' quanto prevede un emendamento, a firma Ettore Rosato del Pd, alla legge di stabilita' approvato dalla commissione Bilancio della Camera. L'emendamento prevede che, entro 60 giorni dall'entrata in vigore della legge, il ministero dei Trasporti adotti misure "volte alla unificazione in un unico archivio telematico nazionale dei dati concernenti la proprieta' e le caratteristiche tecniche dei veicoli attualmente conservati nel Pra e nell'archivio nazionale dei veicoli".

RESTA IL NODO TOBIN TAX - Si attende ancora in commissione Bilancio della Camera che venga sciolto il nodo sull'emendamento alla legge di Stabilita' a firma Bobba (Pd) che riforma l'attuale normativa sulla Tobin tax. L'emendamento, su richiesta del viceministro all'economia Stefano Fassina, era stato accantonato, dopo la richiesta del governo che venisse ritirato. Visto il parere contrario, Fassina aveva allora chiesto due ore di tempo, ma fonti di maggioranza hanno spiegato che molto probabilmente la questione verra' riaffrontata a notte fonda se non domani mattina. La commissione, per licenziare il testo, ha tempo fino alle 20 di domani, quando la legge di Stabilita' approdera' in aula per l'avvio della discussione generale.

Tags:
legge di stabilitàmanovrapensioni

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.