A- A+
Economia
Mediolanum Vita investe in Tenax Credit Italian Fund. Doris: "Nuovo ossigeno per le PMI"

Mediolanum Vita, nell'ambito delle iniziative concrete a sostegno dell'italianità e della ripresa del Paese da anni intraprese dal Gruppo, ha scelto di investire in Tenax Credit Italian Fund, il costituendo fondo dedicato all'erogazione del credito alle PMI italiane di Tenax capital, società londinese di asset management guidata da Massimo Figna.

Si tratta di un fondo chiuso di diritto irlandese che avrà una durata di sette anni e un obiettivo di 150 MLN di euro di raccolta. Il target individuato riguarda circa un migliaio di piccole e medie imprese con un fatturato compreso tra 50 e 250 milioni di euro ed una leva finanziaria  inferiore a 4,5 volte l'EBITDA. Il target di rendimento netto sarà nell'ordine del 5-6%.

Questo investimento si inquadra in un più ampio progetto di sostegno economico al Paese che il Gruppo Mediolanum ha messo in atto nel corso degli ultimi anni per il tramite di alcune iniziative tra cui ricordiamo: Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia, un fondo flessibile che investe esclusivamente in obbligazioni e in azioni di PMI italiane promettenti, con l'obiettivo di fornire un'alternativa al finanziamento bancario e Mediolanum Riparti Italia, un finanziamento a medio-lungo termine per la ristrutturazione degli immobili a supporto del settore edilizio. A fine 2014, inoltre, il Gruppo ha investito 3 milioni di euro nel capitale di United Ventures, veicolo di venture capital per il sostegno e lo sviluppo di imprese innovative tecnologiche italiane.

"Mediolanum aderisce - ha dichiarato Ennio Doris - perchè riteniamo di non potere girare la protesta dall'altra parte. Abbiamo erogato credito alle imprese ed è sempre aumentato. Ma esiste un consumo di capitale generato dai prestiti che si fanno. Mi auguro che intorno all'iniziativa di oggi ne nascano altre per far arrivare capitali alle piccole-medie imprese che ne hanno bisogno.
Quando ci sono problemi la creatività dell'essere umano, che è infinita, trova soluzioni.

In Italia - aggiunge il presidente di Mediolanum -  le imprese dipendono per il 70 per cento dalle banche e solo per il 30 per cento da altri strumenti. Noi forniamo capitale di rischio.
Ciò di cui l'Italia ha bisogno è un sistema finanziario non solo bancocentrico, e ve lo dico da presidente di banca, ma soggetti e fondi che investono sul proprio capitale facendo finanziamenti a medio lungo termine.
Basti vedere cosa abbiamo fatto con i mutui e i finanziamenti per ristrutturare casa".

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA DI ANDREA RADIC A ENNIO DORIS

 

Massimo Figna, Amministratore Delegato di Tenax Capital aggiunge: "Il credito alle PMI dipende dalla erogazione delle banche. In Italia ha rispetto al resto d' Europa la dipendenza dalle banche è molto molto maggiore.
Bisogna che le imprese abbiano canali diversi dal credito bancario per accedere al credito. La nuova iniziativa si focalizza sull'Italia ma nasce dall'Europa.
Prima finanziavano PMI nord europee attraverso assicurazioni, oggi puntiamo sull'Italia focalizzandoci su aziende con un fatturato rea i 50 e i 250 milioni.
Le aziende cui ci rivolgiamo non sono andate in default o in difficoltà, hanno mancato qualche pagamento ma non sono a rischio.
 

In Italia tra le 52000 PMI, quelle con il fatturato indicato sono 2000 quelle con leva finanziaria inferiore a 4,5 volte l'Ebitda scendono ancora di numero.
Le banche faticano ad andare a lungo termine e erogano in maniera rigida mentre le PMI hanno necessità di flessibilità.
Ecco perché servono soggetti terzi che devono fare due diligence più approfondite per dare più possibilità".

 

 

Tags:
mediolanum-investimenti-credito
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.