A- A+
Economia
Mediobanca, Citi e CS rete per l'aumento: Autogrill continua a cadere in Borsa

Dopo un'apertura in rosso, in cui aveva toccato anche -3%, Autogrill ferma l'emorragia in Borsa ma viaggia comunque in rosso dell'1,3% a 4,3 euro dopo l'annuncio dell'aumento di capitale da 600 milioni che ieri aveva fatto tracollare il titolo di oltre il 13%. In mattinata e' stato peraltro comunicato che Credit Suisse, Mediobanca e Citigroup agiranno in qualita' di joint global coordinator e joint bookrunner sulla base di un accordo di pre-underwriting sottoscritto con il gruppo di ristorazione controllato dalla famiglia Benetton.

Le banche si sono impegnate (a condizioni in linea con la prassi di mercato per operazioni similari, precisa una nota) alla sottoscrizione e liberazione delle nuove azioni eventualmente non sottoscritte all'esito dell'asta dei diritti inoptati, fino a concorrenza dell'importo massimo dell'aumento di capitale oggetto di delega. Ieri, va ricordato, Edizione srl (titolare del 50,1% delle quote) ha espresso apprezzamento per la ricapitalizzazione, destinata alla crescita e agli investimenti, dichiarando che sottoscrivera' la propria parte.

Del resto, anche il ceo di Autogrill, Gianmario Tondato, e' stato chiaro: "Dopo un 2020 che ci ha visti impegnati a minimizzare l'impatto negativo della pandemia, oggi, con una maggiore visibilita' in un contesto in cui ancora permangono forti fattori di incertezza, iniziamo un percorso di rafforzamento patrimoniale per assicurarci maggiore flessibilita' finanziaria e per cogliere eventuali opportunita' che potrebbero presentarsi".

La ricapitalizzazione dovrebbe chiudersi entro il primo semestre e secondo Equita, che ne prevedeva uno da 500 milioni, sara' "finalizzata sia al deleverage sia a cogliere eventuali opportunita' industriali". C'e' da dire che ad oggi l'ammontare massimo dell'operazione (600 milioni) e' superiore al 50% della capitalizzazione di Autogrill e dunque c'e' da aspettarsi un deal diluitivo, anche per invogliare il mercato (il flottante e' pari al 49,9%) a sottoscrivere.

In ogni caso, secondo Equita, Autogrill non brucera' cassa nel 2021. La stessa Fidentis, ieri, aveva parlato di un aumento "significativamente piu' grande in termini relativi rispetto a quello di altri concorrenti" che evidenzia due necessita': ribilanciare la struttura finanziaria a causa delle perdite per la pandemia e dotarsi delle risorse per fare acquisizioni.

"L'aumento sara' altamente diluitivo - conferma Fidentis - e avra' un impatto negativo di oltre il 30% sull'utile per azione fino a quando l'M&A non si materializzera'". Anche Mediobanca ha giudicato in modo negativo l'aumento "in quanto conferma l'indebolimento della struttura di capitale e la necessita' di risorse alternative per restare competitivi nelle gare per nuovi contratti e acquisizioni". 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    autogrillgianmario tondato da ruos ad autogrillaumento capitale autogrill
    i più visti
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.