A- A+
Economia

Piazza Affari chiude in calo con Wall Street che procede a due velocità dopo alcuni dati Usa contrastanti. L'indice Ftse Mib ha segnato un -0,96% a 16.767 punti. Milano e' la peggiore d'Europa dopo il boom della scorsa settimana (+5%) e lo sprint di ieri in seguito alla fiducia ottenuta da Enrico Letta alla Camera (oggi è arrivata anche quella al Senato). Sotto i 270 punti lo spread Btp-Bund. Sul paniere principale milanese, in calo i bancari; contrastati energetici e industriali. Pesante la galassia Fiat, bene Finmeccanica.

L'All Share ha ceduto lo 0,78% a 17.789. Gli indici hanno virato in calo a circa mezz'ora dall'apertura positiva, per poi peggiorare sul finale. In mattinata arrivati alcuni dati negativi dalla Germania, dove le vendite al dettaglio a marzo sono calate dello 0,3%, deludendo le attese degli analisti che si aspettavano un aumento, mentre il tasso di disoccupazione e' risultato stabile ad aprile (6,9%), ma e' aumentato il numero di persone senza lavoro. Contrastanti alcuni dati macro provenienti dagli Stati Uniti, dove, ad aprile, la fiducia dei consumatori e' salita ai massimi da settembre, cosi' come i prezzi delle case a gennaio (+1%, balzo in avanti piu' forte dal 2006). L'indice dei responsabili degli acquisti di Chicago, invece, e' sceso 49 punti ad aprile dai 52,4 di marzo; dato e' inferiore alle attese degli analisti.

Tags:
borsaspreadwall streetnikkei
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.