A- A+
Economia
Grecia, mercoledi il voto del Bundestag. La Merkel sfida i "falchi"

E' un voto sulla Grecia e sul piano di aiuti da 86 miliardi. Ma è anche un test politico per il governo del cancelliere Angela Merkel, per capire quanto si è allargato il fronte dei falchi, che il mese scorso si erano già espressi contro il terzo pacchetto di aiuti. Tutto ciò andrà in scena al Bundestag fra quattro giorni, quando sarà la volta del Parlamento tedesco di esprimersi sul piano di salvataggio da 86 miliardi, frutto dell'accordo tra il governo Tsipras e i suoi creditori. Lo stesso accordo che ha avuto il via libera da parte dell'Eurogruppo nella serata di venerdì.

Sul fatto che lla Merkel abbia i voti necessario per la sua approvazione è data praticamente per scontato da tutti gli osservatori politici. Ma non sta qui il punto: per l'esponente della Cdu si tratta di una sorta di regolamento di conti interno, un braccio di ferro che la vede opposta ai falchi guidati dal ministro delle finanze Wolfgang Schaeuble. Il mese scorso erano stati 65 i parlamentari del partito conservatore che avevano votato contro le indicazioni arrivate dal governo. I dissidenti potrebbe ampliare il loro numero, prendendo come pretesto il fatto che non vi siano ancora garanzie sulla partecipazione del Fondo monetario internazionale al salvataggio e che questa era considerata da molti deputati della maggioranza una condizione essenziale.

Le condizioni di Schaeuble. Anche se il Bundestag dirà di sì al piano da 86 miliardi, la Germania resta contraria ad ogni ipotesi di taglio (il cosiddetto "haircut") del debito pubblico greco. Il che potrebbe complicare le cose, soprattutto nei prossimi mesi. Perché da più parti si sostiene che senza una drastica riduzione del debito, la Grecia non riuscirà mai a risollevarsi economicamente e comunque non sarà mai in grado di rimborsare completamente i creditori. Il Fondo monetario internazionale chiede l'haircut con insistenza, ma finora la Germania ha tenuto duro.

L'unica concessione arrivata dal governo Merkel è un prolungamento, seppur limitato, dei tempi entro i quali Atene deve onorare il 'quantum debeatur'. Lo ha detto il ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble in un'intervista all'emittente Deutsche Welle: "Il totale condono del debito non è possibile in base alle leggi europea. Ma abbiamo uno certo spazio per prolungare ulteriormente la scadenza del debito. Ma lo spazio di manovra non è molto grande".

Tags:
germaniagreciamerkeltsipradberlino

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.