A- A+
Economia
Mps ko. UniCredit in calo. In borsa scommesse sul risiko per il 3° polo
Piero Montani, Andrea Orcel e Giuseppe Castagna

Il titolo Mps si colora di rosso a Piazza Affari. Dopo la rottura delle trattative fra UniCredit e il Tesoro per la privatizzazione del gruppo senese entro fine 2021, Rocca Salimbeni, per cui ora si ipotizza un futuro stand-alone, nonostante il leggero recupero durante la giornata, dove perdeva il 3%, chiude la seduta al -2,3%. In rosso anche la banca guidata da Andrea Orcel, Unicredit, che dopo il piccolo giro di boa di metà seduta dove saliva dello 0,28%, sul finale porta a casa un -1,7%

Schermata 2021 07 13 alle 09.51.34
 

Per Piazza Gae Aulenti, gli occhi degli investitori sono puntati sui conti del terzo trimestre e soprattutto sulle prossime mosse del manager romano, chiamato alla presentazione di un nuovo piano industriale nei prossimi mesi.

Lo stop alle trattative scuote gran parte dei titoli del settore bancario, in particolare quelli più fragili come Carige, altra banca in cerca di un "cavaliere bianco". L'istituto ligure cede il 3%, pagando a questo punto il pessimismo degli operatori per una soluzione in tempi rapidi. 

Sull'obbligazionario, nonostante il Mef voglia arrivare a un aumento di capitale senza burden sharing, i subordinati di Mps vanno sotto pressione, scontando un alto profilo di rischio futuro per Siena quantificato in un gap di circa 6,7 miliardi di euro. Il rendimento del titolo subordinato con scadenza gennaio 2028 sale di 8 punti percentuali a 45%, massimo dal marzo 2020. I rendimenti dei titoli gennaio 2030 e settembre 2030 salgono di circa due punti percentuali ciascuno, rispettivamente a 20% e 17%. E i credit default swap sui bond sono schizzati al rialzo, segno che gli investitori temono un coinvolgimento per i detentori. 

7ade7473 5a6a 4e3c a94b 3931c8c4fb14
 

Sul dossier Mps, il Ministero del Tesoro, secondo quanto scrive la Stampa, si respira "ottimismo" sulle prospettive per il gruppo toscano controllato al 64,2%: la proroga della Commissione europea per cedere la maggioranza pubblica del Monte oltre il termine concordato verrà concessa.

Sei mesi, forse qualcosa in più rispetto alla scadenza attuale dell'approvazione del bilancio 2021, in primavera, per arrivare almeno alla fine del 2022. La proroga servirà per lanciare un aumento di capitale che potrà essere "privato o pubblico", spiega una fonte al giornale.

2a07718d d1f1 4a89 87fb 13a7d20caf1a
 

Detta più esplicitamente: o si fa avanti un altro soggetto disponibile a sottoscrivere un aumento di capitale, oppure sarà ancora una volta lo Stato a dover intervenire. Il primo caso al momento appare remoto, ed è improbabile che qualche mese in più possa risolvere un problema che si trascina da ormai otto lunghi anni. Ieri, Banco Bpm - il cui nome era circolato per partecipare a uno spezzatino con UniCredit - ha smentito il suo interesse e al momento non c'è nessuno disponibile a sedersi al tavolo della trattativa: quella di Mps è una vicenda troppo complessa perchè qualcuno accetti di farsene carico a costi inferiori ai sette miliardi ipotizzati da UniCredit. E anche per Lando Sileoni, il segretario generale della Fabi (il maggiore sindacato nel settore del credito), "al momento per Mps non ci sono altri acquirenti".

LP 9257549
 

Non resterà dunque che la seconda soluzione, ovvero l'ennesima l'iniezione di denaro pubblico. Dovrà passare ancora una volta dal giudizio di Bruxelles e probabilmente dovrà comprendere una nuova ricapitalizzazione "precauzionale" (questa la dicitura tecnica) con i soldi del contribuente e il sacrificio del valore delle quote di azionisti e obbligazionisti subordinati. Sarà la seconda volta in quattro anni. Tutto ciò avverrà nell'ipotesi che la proroga arrivi senza obiezioni. In ogni caso non potrà essere senza condizioni, tenuto conto del fatto che l'Italia è già inadempiente rispetto agli impegni presi con Bruxelles al momento dell'ultimo intervento pubblico del 2017.

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    andrea orcelbanco bpmdaniele franco mpsmef unicreditmorgan stanley mpsmpsproroga ue mef mpsunicredit
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.