A- A+
Economia
Nuovo tonfo di Telecom in borsa, pesano asta per il 5G e il successo di Iliad


In una borsa italiana che dopo una mattinata positiva chiude in calo, soffrendo le critichegià giunte alle linee guida della manovra economica prefigurate nel Def da parte delcommissario Ue Moscovici e del vicepresidente della Commissione Ue ValidisDombrovskis in particolare per quanto riguarda l’obiettivo di un rapporto deficit/Pil al 2,4%nel triennio 2019/2021, Telecom Italia è tra i peggiori, accusando a fine giornata un calodel 5,3%.A penalizzare il titolo dell’ex monopolista telefonico è in particolare un report di Barclaysnel quale gli analisti della banca britannica tagliano da “equal weight” (mantenere il pesodel titolo in portafoglio in linea a quello che ha negli indici) a “under weigh” (sottopesare iltitolo in portafoglio), un segnale che da tempo i gestori e i trader di borsa interpretanocome un modo per indicare implicitamente che è ora di vendere.A rafforzare la sensazione di una bocciatura per Tim è anche il fatto che gli uomini diBarclays ne abbiano ridotto il prezzo obiettivo da 0,70 euro a 0,46 euro (rispetto ai 49,5centesimi di euro a cui il titolo, già in calo del 32% rispetto a 12 mesi or sono, ha chiusooggi). Ma perché gli analisti britannici hanno peggiorato il loro giudizio? Nella nota essisegnalano “crescenti venti contrari” a Telecom Italia. Oltre all’entrata commerciale disuccesso di Iliad nel mobile in Italia e alla fase di finalizzazione dei finanziamenti delconcorrente nel fisso (Open Fiber), “Tim ora è nel mezzo dell’asta per le frequenze”.Un’asta che avrebbe ormai raggiunto i 6 miliardi di euro, rispetto a una base di partenza di2,5 miliardi e che è già “di 1,4 miliardi euro sopra le nostre stime (14% dellacapitalizzazione di mercato)”.

Il successo dell’asta 5G per lo stato italiano è un affare,molto meno per i futuri gestori e dunque per gli azionisti di Tim, notano anche gli uomini diWebsim (che giudicano il titolo “molto interessante” con un prezzo obiettivo di 98centesimi), ricordando come solo le frequenze sui 700MHz siano state finora assegnate ecome l’ex monopolista sia “l’unico operatore ad avere un’offerta vincente su tutte le bande,per un impegno complessivo pari a 2,24 miliardi di euro”.Sulla base delle attuali offerte, notano peraltro gli uomini di Websim, il regolamento di garaprevede che Telecom Italia “paghi subito 497 milioni di euro e che la gran partedell’esborso (1,542 miliardi di euro) sia al settembre 2022”. L’effetto sulla redditività di Timsarà dunque spalmato sui prossimi 4 esercizi, dando modo al gruppo di gestire l’esborso,a patto però che accelerino le dismissioni per abbattere l’indebitamento. Come fannonotare gli analisti di Barclays, abbinando tutto questo “al rallentamento macro del Brasile”,all’andamento dei cambi e “all’elevato rapporto di indebitamento”, l’outlook per il titoloTelecom Italia appare pertanto “complesso”.Insomma, proprio mentre Iliad e Open Fiber stanno iniziando a minare la leadership dell’exmonopolista nella telefonia mobile e nella fibra, l’ulteriore impegno per il 5G rischia diimporre scelte drastiche finora rimandate, dalla possibile cessione di Tim Brasil alloscorporo della rete fissa con l’apertura del capitale della medesima. Aggiungete ilnervosismo che continua a dominare Piazza Affari per via del braccio di ferro sullamanovra tra Italia e Ue la sensazione, data da curve dei tassi sempre più piatte, che la prossima recessione si stia gradualmente avvicinando e il -5,3% di Telecom Italia èampiamente spiegato.

 

Commenti
    Tags:
    telecom italiatimiliadbarclayswebsimasta 5g
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Fico mostra un lato B 'poetico' Ma la mano del fidanzato...

    Belen, Diletta e... Le foto delle Vip

    Fico mostra un lato B 'poetico'
    Ma la mano del fidanzato...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault: look rinnovato e versione ibrida per la nuova Mégane

    Renault: look rinnovato e versione ibrida per la nuova Mégane

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.