A- A+
Economia

"Voltiamo pagina", l'America "e' risorta dalla recessione e siamo liberi di scrivere il nostro destino piu' di ogni altra nazione al mondo": questo il messaggio centrale di Barack Obama nel suo sesto discorso sullo Stato dell'Unione, in cui ha voluto chiudere il capitolo della crisi. Il presidente americano ha dichiarato guerra alle disuguaglianze e ha messo in chiaro che sara' lui dettare l'agenda economica dei prossimi due anni, gli ultimi dei suo mandato alla Casa Bianca, lanciando la sfida al nuovo Congresso completamente in mano ai repubblicani. "E' stato un anno di svolta, lo Stato dell'Unione e' forte e la mia agenda e' la stessa di quando ho prestato giuramento sei anni fa. Cominciamo questo nuovo capitolo insieme - ha esortato - iniziando a lavorare da subito".

Sono passati 15 anni dall'inizio del 21esimo secolo che si e' "aperto con il terrore arrivato sulle nostre coste - ha esordito Obama - con una nuova generazione impegnata in due lunghi e costosi anni di guerra e con una recessione violenta che ha invaso la nostra nazione e il mondo. Sono stati, e per molti lo sono ancora, tempi difficili" ma "l'ombra della recessione e' passata" e vantiamo un'economia "in crescita, deficit in calo, un'industria vitale e un boom nella produzione di energia".

Ora spetta "a noi decidere cosa vogliamo essere nei prossimi 15 anni e nei decenni a venire - ha proseguito - se vogliamo accettare un'economia dove solo alcuni se la passano spettacolarmente bene o se vogliamo impegnarci per un'economia che genera maggiori entrate e opportunita' per tutti". Il presidente ha dunque rilanciato le sua politiche a favore della classe media in quella che e' stata ribattezzata l'operazione "Robin Hood" e che prevede, tra l'altro, un aumento del prelievo sui dividendi e sui capital gain per chi guadagna piu' di 500 mila euro l'anno, un'imposta sui trust creati dai super ricchi per non pagare tasse di successione e un incremento del prelievo sulle grandi banche e societa' finanziarie. Un'operazione da 320 miliardi di dollari in 10 anni, di cui 235 andranno a coprire sgravi per le famiglie con figli e misure come college gratis e malattia e congedi parentali retribuiti. "Il verdetto e' chiaro: le politiche per la classe media funzionano. Espandere le opportunita' funziona. E queste politiche continueranno a funzionare, a meno che la politica non si metta in mezzo", ha rincarato. "In questo consiste l'economia per la classe media - ha insistito - e' l'idea che questo Paese funziona meglio quando tutti hanno una possibilita', quando tutti fanno la loro parte e quando tutti giocando secondo le stesse regole".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
obamacrisiusastato dell'unionecasa bianca
i più visti
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Riflettori accesi sull'edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca

Riflettori accesi sull'edizione 2021 di Auto e Moto d’Epoca

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.