BANNER

Opere pubbliche, qualcosa torna a muoversi in Lombardia. Il bilancio del mercato nelle province di Milano, Lodi e Monza e della Brianza è, dopo anni di flessione, finalmente lievemente positivo: il periodo gennaio-ottobre 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012 segna una crescita del 3% per numero di gare (da 543 gare a 561), e del 19% per valore economico (da circa 1,3 miliardi a oltre 1,5 miliardi).

Sono le anticipazioni dell'Osservatorio sul mercato dei lavori pubblici nelle tre province lombarde preparato da Assimpredil Ance in collaborazione con il CRESME, analisi avviata nel 2011 nel 2011 per analizzare nel dettaglio le dinamiche del comparto nel territorio di Milano, Lodi e Monza e della Brianza.

Il motivo? Poter disporre di uno strumento di analisi che desse una visione il più ampia e analitica possibile della situazione. Si conferma, purtroppo, una ripresa a diverse velocità nei territori e con nodi irrisolti che richiedono grande attenzione. I Comuni rimangono uno dei committenti principali in termini di gare bandite ma pesano poco più del 15 % se consideriamo i valori in gara.

infrastrutture lombarde video

BANNER

GUARDA IL VIDEO DEL DIRETTORE DEL CRESME LORENZO BELLICINI CHE ILLUSTRA LE ANTICIPAZIONI DELL'OSSERVATORIO SUL MERCATO DEI LAVORI PUBBLICI

Il mercato complessivo delle Opere Pubbliche nelle province di Milano, Lodi e Monza e della Brianza nel periodo gennaio-ottobre 2013 è costituito da 561 bandi del valore di oltre 1,5 miliardi di euro. Rispetto allo stesso periodo del 2012 il bilancio è del tutto positivo, con una crescita del 3% per numero di gare (da 543 gare a 561), e del 19% per valore economico (da circa 1,3 miliardi a oltre 1,5 miliardi). Per la crescita degli importi in gara ha contribuito la concessione di lavori pubblici indetta da Infrastrutture Lombarde Spa del valore di 323 milioni relativi alla concessione di lavori pubblici avente ad oggetto la progettazione definitiva ed esecutiva e la realizzazione della Città della Salute e della Ricerca nel Comune di Sesto San Giovanni, al netto della quale il valore in gara avrebbe registrato un calo del 6%.

Tra i territori delle tre province osservate mostrano un trend del tutto positivo i territori di Milano (+5% il numero e +17% l'importo) e di Monza e della Brianza (+16% il numero e +133% gli importi, grazie alla concessione di lavori pubblici del valore di 49 milioni indetta dall'Azienda ospedaliera di Desio e Vimercate per la realizzazione e la gestione delle opere di riqualificazione impiantistica e gestione energetica dei PP.00. di Carate Brianza, Giussano e Besana Brianza). Bilancio del tutto negativo per il territorio della provincia di Lodi che registra un calo del 55% per numero e dell'83% per valore.

*BRPAGE*

A trainare il mercato delle OO.PP sono i nuovi mercati che crescono del 12% per numero e del 24% per valore, a fronte di un andamento a doppia velocità del mercato tradizionale, che cresce per importo del 12%, ma che vede ridursi il numero dei bandi dell'1%. La crescita dei nuovi mercati è dovuta esclusivamente al PPP, che cresce di circa il 40% per numero di iniziative e del 134% per valore, grazie soprattutto alla maxi gara indetta da Infrastrutture lombarde Spa (al netto della suddetta gara gli importi segnerebbero un calo di circa il 7%). Se analizziamo i nuovi mercati osserviamo l'andamento a doppia velocità delle concessioni di lavori pubblici (-42% il numero e +128% il valore), il bilancio positivo del leasing, rappresentato però solamente da 2 gare del valore di 11 milioni (era una gara del valore di 390 mila euro nello stesso periodo del 2012), il calo del 44% del numero delle iniziative delle gare di progettazione e realizzazione, a cui corrisponde un valore degli importi costante (-0,1%) per la presenza nel 2013 della gara indetta da Autostrada Pedemontanta Lombarda Spa del valore di 71 milioni per il servizio di gestione operativa del sistema di esazione dei pedaggi dell'Autostrada Pedemontana Lombarda, comprensivo della progettazione e della realizzazione, che riguarda più aree provinciali, ma che per motivi statistici viene inserita nel territorio della Provincia di Milano, come capoluogo di regione. Bilancio del tutto negativo della manutenzione e gestione (-5% il numero e -61% gli importi).

I principali committenti sono i comuni con 284 bandi, pari al 51% del totale, e 247 milioni di euro (16% del totale del valore in gara). Rispetto al periodo gennaio-ottobre 2012 fanno segnare una crescita del 9% per numero, ma un calo del 19% degli importi in gara. Altri protagonisti sono state le aziende speciali a cui compete il 15% delle gare (86 iniziative), ma circa il 35% del valore con oltre 530 milioni, di cui 323 milioni relativi alla gara per la realizzazione della Città della Salute e della Ricerca nel Comune di Sesto San Giovanni.

La crescita più significativa la ottengono i bandi per importo superiore a 5 milioni, che crescono con tassi del 27% per numero e del 26% per importo. A crescere maggiormente sono i bandi di importo compreso tra ai 15 milioni e i 50 milioni: +140% il numero e +119% il valore. I bandi di gara di importo fino a 5 milioni mostrano un numero di bandi costante (+0,2%) e importi in crescita del 2%. Competono a questa classe d'importo il 76% dei bandi promossi, mentre il 74% del valore fa riferimento a bandi di importo superiore ai 5 milioni.

Le aggiudicazioni. Completano il quadro del mercato complessivo delle Opere Pubbliche nelle province di Milano, Lodi e Monza e della Brianza nel periodo gennaio-ottobre 2013, 689 aggiudicazioni del valore di 1,2 miliardi di euro. Rispetto allo stesso periodo del 2012 i contratti firmati registrano una crescita del 14% per numero (da 604 aggiudicazioni a 689), ma un calo del 17% per valore (da 1,4 miliardi a 1,2 miliardi). Si segnala l'aggiudicazione dalla gara del valore di circa 156 milioni indetta da S.A.T.A.P. - Società Autostrada Torino-Alessandria-Piacenza Spa per gli interventi di ammodernamento e di adeguamento dell'autostrada Torino — Milano tronco II (lotto 2.2 dalla pk 105+520 alla pk 121+000 - Provincia di Milano), aggiudicata all' ATI/RTI composta da Collini Lavori Spa (capogruppo) e Bacchi srl. In crescita il valore medio mensile dei ribassi in tutte e tre i territori provinciali: Milano 28,4% contro 27,5% di gennaio-ottobre 2012; Lodi 15,9% contro 14,8% e Monza e della Brianza 23,9% contro 22,7%.

2013-11-20T16:47:44.363+01:002013-11-20T16:47:00+01:00truetrue1066116falsefalse3Economia/economia4130830210662013-11-20T16:47:44.427+01:0010662013-11-22T13:47:23.84+01:000/economia/opere-pubbliche20112011false2013-11-20T17:30:23.76+01:00308302it-IT102013-11-20T16:47:00"] }
A- A+
Economia

 

pedemontana7

BANNER

Opere pubbliche, qualcosa torna a muoversi in Lombardia. Il bilancio del mercato nelle province di Milano, Lodi e Monza e della Brianza è, dopo anni di flessione, finalmente lievemente positivo: il periodo gennaio-ottobre 2013 rispetto allo stesso periodo del 2012 segna una crescita del 3% per numero di gare (da 543 gare a 561), e del 19% per valore economico (da circa 1,3 miliardi a oltre 1,5 miliardi).

Sono le anticipazioni dell'Osservatorio sul mercato dei lavori pubblici nelle tre province lombarde preparato da Assimpredil Ance in collaborazione con il CRESME, analisi avviata nel 2011 nel 2011 per analizzare nel dettaglio le dinamiche del comparto nel territorio di Milano, Lodi e Monza e della Brianza.

Il motivo? Poter disporre di uno strumento di analisi che desse una visione il più ampia e analitica possibile della situazione. Si conferma, purtroppo, una ripresa a diverse velocità nei territori e con nodi irrisolti che richiedono grande attenzione. I Comuni rimangono uno dei committenti principali in termini di gare bandite ma pesano poco più del 15 % se consideriamo i valori in gara.

infrastrutture lombarde video

BANNER

GUARDA IL VIDEO DEL DIRETTORE DEL CRESME LORENZO BELLICINI CHE ILLUSTRA LE ANTICIPAZIONI DELL'OSSERVATORIO SUL MERCATO DEI LAVORI PUBBLICI

Il mercato complessivo delle Opere Pubbliche nelle province di Milano, Lodi e Monza e della Brianza nel periodo gennaio-ottobre 2013 è costituito da 561 bandi del valore di oltre 1,5 miliardi di euro. Rispetto allo stesso periodo del 2012 il bilancio è del tutto positivo, con una crescita del 3% per numero di gare (da 543 gare a 561), e del 19% per valore economico (da circa 1,3 miliardi a oltre 1,5 miliardi). Per la crescita degli importi in gara ha contribuito la concessione di lavori pubblici indetta da Infrastrutture Lombarde Spa del valore di 323 milioni relativi alla concessione di lavori pubblici avente ad oggetto la progettazione definitiva ed esecutiva e la realizzazione della Città della Salute e della Ricerca nel Comune di Sesto San Giovanni, al netto della quale il valore in gara avrebbe registrato un calo del 6%.

Tra i territori delle tre province osservate mostrano un trend del tutto positivo i territori di Milano (+5% il numero e +17% l'importo) e di Monza e della Brianza (+16% il numero e +133% gli importi, grazie alla concessione di lavori pubblici del valore di 49 milioni indetta dall'Azienda ospedaliera di Desio e Vimercate per la realizzazione e la gestione delle opere di riqualificazione impiantistica e gestione energetica dei PP.00. di Carate Brianza, Giussano e Besana Brianza). Bilancio del tutto negativo per il territorio della provincia di Lodi che registra un calo del 55% per numero e dell'83% per valore.

Tags:
opere pubblicheance
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.