A- A+
Economia
Pensioni, beffa Quota 100: doveva cancellare la Fornero e invece la conferma

Pensioni, la beffa di Quota 100: avrebbe dovuto cancellare la Fornero invece dovrebbe confermarla. Quota 103 verso la proroga

Quota 100 è stata introdotta nel 2019 dal governo Conte su pressione della Lega. L'idea era quella di superare la legge Fornero e invece il rischio è proprio quello che la confermerà. A dirlo è indirettamente il Documento di economia e finanza, che a oltre a un anno dalla scadenza di Quota 100 ne illustra nel dettaglio il peso che ha avuto nell'aggravare la spesa pensionistica, lasciando al governo Meloni poco spazio di manovra.

Quota 100 ha permesso a una platea piuttosto limitata di lavoratori, perlopiù uomini della pubblica amministrazione, di uscire dal lavoro avendo raggiunto i 30 anni di contributi e i 62 anni di età tra il 2019 e il 2021. I suoi effetti si sentono ancora oggi. Nel 2023 la spesa pensionistica ha registrato una crescita del 7,1%, a fronte di una crescita di 20,9 miliardi, mentre per il triennio 2024-2026 salirà in media del 4,4%. La spesa totale è quasi 65 miliardi di euro. Colpa anche dell'inflazione e della conseguente rivalutazione degli assegni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
legge forneropensioniquota 100





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


motori
INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.