A- A+
Economia
Pensioni, "Quota 41" chiamata la "pensione anticipata". Rispetto alla morte?

Riceviamo e pubblichiamo da un lettore:

Il criterio dell'anzianità di servizio è l'unico sia giusto sia sostenibile: non si può costringere uno a lavorare per più di 41 anni per farlo arrivare all'età anagrafica di 62 anni, quando un altro può andare in pensione a 62 anni con meno anni di servizio del primo!!! E poi bisognerebbe non far lavorare chi ha un'invalidità superiore al 50% per più di 41 anni.

E pensare che fino a pochi anni fa 40 anni di servizio era il tetto massimo, mentre adesso non è più neanche la soglia minima: ecco le "conquiste" sindacali in Italia!  (della serie "regresso incivile"). Mi fa ridere che "Quota 41" la chiamano "pensione anticipata": anticipata rispetto a che? Rispetto alla morte?  Questa è la sola certezza che il PD e i 5 StAlle ci regalano!

Leonardo Zappa

Commenti
    Tags:
    pensionipensioni newsquota 41 pensioniassegno pensionisticoetà pensionabile
    S
    i più visti
    Error processing SSI file
    in evidenza
    Cristina D'Avena, bikini esplosivo Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

    Wanda, Fico e... Gallery Vip

    Cristina D'Avena, bikini esplosivo
    Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

    Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.