A- A+
Economia
Moncler fa il pieno di ordini: i piumini pronti per Piazza Affari

Ora è tutto pronto: l'Ipo Moncler fa il pieno. E da lunedì 16 dicembre le azioni inizieranno a essere negoziate in Borsa. I giubbini imbottiti sono andati a ruba: la domanda ha superato di circa 31 volte l'offerta, per un controvalore complessivo di oltre 20 miliardi di euro. Il prezzo dei titoli è stato quindi fissato al massimo della forchetta prevista, a 10,20 euro per azione. Un successo che non sorprende, se si pensa che nei primi tre giorni le prenotazioni avevano coperto l'offerta già dodici volte.

Moncler avrebbe attirato l'interesse di grandi gruppi (per ora con piccole quote). Sull'azienda italiana avrebbero puntato anche Lvmh, Zara e Ferragamo. Almeno per ora la quota di maggioranza resta nelle mani del gruppo Ruffini. Secondo azionista sarà Eurazeo, che  vede diluita la propria quota dal 45% al 23,33%, Carlyle dal 17,75% al 7,13% e il fondo Progressio investimenti dal 4,99% all'1,26%. Il primo passo verso l'uscita dei fondi dalla proprietà.   

Con l'avvio delle contrattazioni entrerà in carica il nuovo cda a 11: Ruffini resterà presidente e amministratore delegato e indicherà sei membri in tutto, tra cui Alessandro Benetton e Nerio Alessandri in quota indipendenti. Altri quattro spetteranno a Eurazeo e l'ultimo sarà Marco De Benedetti per il fondo Carlyle.

 

Tags:
moncleripopiazza affari
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car

Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.