A- A+
Economia
Pil, Fmi taglia stime per Italia: +3%. Il Covid brucia 22 mila mld nel mondo

L'Italia cresce meno del previsto nel 2021, quando il pil e' destinato a fermarsi al +3%. Ma non e' la sola in Europa. Complice un Covid che non da' tregua al Vecchio Continente innescando lockdown a catena, il Fondo Monetario Internazionale rivede al ribasso le stime anche per Germania, Francia e Spagna in un contesto di rallentamento generalizzato per Eurolandia, il cui pil e' tagliato al +4,2% nel 2021. La crescita della locomotiva tedesca e' ridotta di 0,7 punti percentuali rispetto alle stime di ottobre al +3,5% per quest'anno.

Per Parigi la sforbiciata e' di 0,5 punti al 5,5%, mentre per Madrid e' di 1,3 punti al 5,9%. Per l'Italia la revisione al ribasso per il 2021 e' di ben 2,2 punti. Un segnale di ottimismo arriva pero' dal 2022, quando il pil italiano dovrebbe segnare un +3,6%, con una revisione al rialzo di un punto percentuale rispetto alle stime di ottobre. Per l'altra sponda dell'Atlantico il Fondo dipinge un quadro ben diverso. L'economia americana accelera e cresce quest'anno del 5,1%, 2 punti in piu' delle previsioni precedenti.

Un balzo legato anche all'attesa del nuovo piano di stimoli da 1.900 miliardi di dollari proposto dall'amministrazione di Joe Biden. "Gli Stati Uniti e il Giappone dovrebbero tornare ai livelli di attivita' di fine 2019 nella seconda parte del 2021, mentre nell'area euro e in Gran Bretagna l'attivita' e' prevista tornare ai livelli di fine 2019 nel 2022", spiega il Fmi prevedendo che entro il 2022 il Covid ridurra' l'economia degli Stati Uniti solo dell'1,5% rispetto alle previsioni pre-pandemia.

Nulla quindi rispetto alla contrazione del 2,5% che sperimenteranno le altre economie avanzate e dell'8% di quelle emergenti esclusa la Cina che, come gli States, limita la contrazione all'1,5%. La frenata europea non pesa sulla crescita globale, rivista al rialzo al 5,5% grazie ai vaccini.

"Le stime sono state migliorate ma lo scenario continua a porre sfide", avverte comunque Kristalina Georgieva, il direttore generale del Fondo, facendo eco all'allerta lanciata dai suoi economisti, secondo i quali la ripresa e' "incompleta" con un'attivita' economica che "resta ben al di sotto dei livelli pre-pandemia" ed e' soggetta a forte "incertezza". E' in questo contesto a luci e ombre che il Fondo lancia il suo appello: "Bisogna agire rapidamente per un ampio accesso ai vaccini per correggere le profonde disuguaglianze che esistono al momento", dice il capo economista del Fmi, Gita Gopinath, sottolineando come le nuove varianti del virus "ricordano come la pandemia non e' finita fino a quando non e' finita ovunque".

Alla necessita' di facilitare l'accesso ai vaccini anche per i paesi piu' poveri si aggiunge quella di mantenere gli stimoli all'economia fino a quando non ci sara' una normalizzazione. E un ritorno alla normalita', che ancora non appare a portata di mano, consentira' di fare i conti con i costi di una crisi senza precedenti.

Le perdite complessive per la produzione mondiale a causa del coronavirus, rispetto alle previsioni pre-pandemia, ammontano infatti a 22.000 miliardi di dollari nel periodo 2020-2025. Senza contare che fra lo scorso anno e quello in corso sono circa 90 milioni le persone che rischiano di scivolare in poverta' estrema, mandando in fumo decenni di progressi. Sul moderato ottimismo del Fmi pesano comunque molte incertezze, prima fra tutti la distribuzione dei vaccini che, se accumulasse ritardi, rischierebbe di spegnere la fiamma della speranza. 

Commenti
    Tags:
    fmi stime pil italia 2021outlook fmi growth italia
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Zinga e "Che GueBarbara" La sinistra riparte da qui?

    Pd, la crisi vissuta con ironia...

    Zinga e "Che GueBarbara"
    La sinistra riparte da qui?


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes lancia EQV, monovolume a trazione elettrica

    Mercedes lancia EQV, monovolume a trazione elettrica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.