A- A+
Economia
Il Pos obbligatorio non batte l'evasione

L'entrata in vigore oggi dell'obbligo di Pos per professionisti, imprenditori e artigiani non avrà alcun effetto positivo sul contrasto all'evasione fiscale. Lo afferma deciso il Prof Ranieri Razzante, Presidente AIRA (Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio) e esperto di Legislazione antiriciclaggio: “Non è pensabile - ha detto - che un obbligo, che finisce semmai per essere una grave limitazione alla libertà di impresa, porti il cittadino che voglia evadere il fisco o, peggio, riciclare denaro sporco, a desistere da tali scopi. Vari sono gli errori di questo provvedimento, l'ennesimo partorito da un governo Monti dal quale, tanto per non dimenticarne le contraddizioni, ci portiamo anche il d. Lgs. 44 del 2012. Quest'ultimo prevede che cittadini extracomunitari possano pagare nei negozi fino a 15.000 euro contanti. Tocca che decidiamo finalmente - riprende Razzante - come approcciare il sistema dei pagamenti, che vive di contraddizioni peraltro distorsive della concorrenza. Una per tutte in questo decreto: come si fa ad obbligare all'utilizzo di moneta elettronica per pagamenti sopra i 30 euro se è consentito in Italia l'utilizzo libero di contante per importi entro i mille euro? E che farà colui al quale viene offerto uno "sconto" perché' paga contanti, a fronte del prezzo pieno di un servizio se pagato con bancomat? Lo strumento di pagamento non incide sull'obbligo fiscale, dobbiamo capirlo una volta per tutte. E' questione di mentalità e controlli. Va poi ripensata la normativa tributaria, che consente ancora troppi patteggiamenti fiscali e molte scappatoie a chi non vuole pagare".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pos
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.