A- A+
Economia
ignazio visco

Il credit crunch non allenta la morsa nel nostro Paese. Arrivano infatti ancora segnali negativi per l'economia e per il rapporto tra il tessuto produttivo e le famiglie da una parte e gli istituti di credito dall'altra. Secondo i dati diffusi dalla Banca d'Italia a gennaio i prestiti al settore privato hanno registrato una contrazione dell'1,6% su base annua (-0,9 per cento a dicembre), registrando il calo maggiore degli ultimi 14 mesi. I prestiti alle famiglie sono scesi dello 0,6% sui dodici mesi (-0,5% a dicembre), anche in questo caso il peggior dato in 14 mesi; quelli alle società non finanziarie del 2,8% (-2,2% a dicembre).

Per quanto riguarda il costo del denaro, i tassi d'interesse sui finanziamenti erogati alle famiglie per l'acquisto di abitazioni sono rimasti invariati al 3,92%; quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo sono aumentati al 9,59% (9,08 a dicembre).

I tassi passivi sul complesso dei depositi, cioè gli interessi sui soldi messi sui conti corrente, sono diminuiti all'1,17% (1,25 per cento a dicembre). Per quanto riguarda la differenziazione in base alla "taglia" dei prestiti, i tassi applicati alle società su quelli di importo inferiore a 1 milione di euro sono scesi al 4,39% (4,43 nel mese precedente), quelli di importo superiore a tale soglia sono diminuiti al 3,09% (3,15 per cento a dicembre).

Nessun incarico/ La legittimazione delle banche centrali "viene dalla competenza, dalla moderazione, dall'orientamento al medio-lungo periodo, dal rifiuto di assumere compiti esulanti dai propri ruoli primari". Sono le parole del Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, che, durante il suo intervento al convegno 'Economia e finanza dopo la crisi', presso l'Accademia Nazionale dei Lincei, a Roma, sembra mettere una pietra sull'ipotesi maturata nei giorni scorsi di fronte allo stallo politico di un suo coinvolgimento al governo

Confermando il trend, i tecnici di BankItalia registrano una forte salita per quanto riguarda la raccolta bancaria a gennaio. Sempre secondo le indagini di via Nazionale, il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è aumentato al 7,7% (7% a dicembre 2012). Il tasso di crescita sui dodici mesi della raccolta obbligazionaria, includendo le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è sceso invece al 2,2% (4,8% nel mese precedente). Che il tessuto economico e la stabilità finanziaria dei privati restino però in tensione è testimoniato che nello stesso periodo si è verificata una sensibile espansione delle sofferenze: il tasso di crescita sui 12 mesi è infatti aumentato al 17,5% (16,6% nel mese precedente).

 

Tags:
prestitibanche

in evidenza
Ivana, la tifosa croata rischia l'arresto ai Mondiali in Qatar

Curve pericolose. Le foto

Ivana, la tifosa croata rischia l'arresto ai Mondiali in Qatar


motori
Nissan Italia lancia nel Metaverso lo showroom virtuale

Nissan Italia lancia nel Metaverso lo showroom virtuale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.