A- A+
Economia
Rapporto Coop, la crisi? E' costata agli italiani 122 miliardi

Una ripresa lenta e anomala ma pur sempre una ripresa. L'Italia è un Paese che torna a camminare, per correre ci vorrà tempo, ma la recessione è finita, costata lacrime e sangue alle famiglie italiane che hanno lasciato sul piatto dal 2007 a oggi 122 miliardi di euro, tra minori risparmi e minori consumi. Ma più che i numeri è il sentimento degli italiani ad essere cambiato con il 52% delle persone che dichiarano invariata o addirittura migliorata la propria situazione.

Al governo rappresentiamo - dichiara Stefano Bassi neo presidente Ancc-Coop - le esigenze dei consumatori e chiediamo alcune scelte fondamentali: in primo luogo azioni coerenti perché non scattino le azioni di salvaguardia e quindi non ci sia un aumento dell'Iva che penalizzerebbe oltremodo i consumi. In secondo luogo - aggiunge Bassi - anche seguendo la nostra ispirazione valoriale si proceda con la legge contro gli sprechi alimentari, infine azioni concrete per sostenere le famiglie e i consumi interni.

 

Tags:
coopripresa

in evidenza
Elodie-Diletta pazze per la Puglia Fanno coppia fissa al mare- FOTO

Ormai amiche inseparabili

Elodie-Diletta pazze per la Puglia
Fanno coppia fissa al mare- FOTO


casa, immobiliare
motori
Walter Röhrl al revival dell’Olympia Rally '72

Walter Röhrl al revival dell’Olympia Rally '72

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.