A- A+
Economia

 

 

rebecchini

twitter @andreadeugeni

Ripristinando una vecchia tradizione, Mediobanca torna a piazzare un proprio uomo alla vicepresidenza delle Assicurazioni Generali.

Dopo l'addio di Alberto Nagel al Leone nell'aprile del 2012 a causa dell'articolo 36 del decreto legge Salva-Italia sui doppi incarichi negli organi di gruppi finanziari, la merchant bank milanese, primo socio della compagnia assicurativa con sede a Trieste, avrebbe infatti intenzione di esprimere Clemente Rebecchini come vice di Gabriele Galateri, al posto del finanziere bretone Vincent Bollorè. Ripristinando così un uso interrotto dalla norma del governo Monti.

Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it,  Rebecchini, che siede già nel board delle Generali come espressione di Piazzetta Cuccia, andrà a ricoprire la casella rimasta scoperta da inizio ottobre di quest'anno quando Bollorè, arrivato a Trieste nell'aprile del 2010 come espressione dei soci francesi di Mediobanca, ha annunciato le proprie dimissioni per ottemperare a una norma transalpina sui doppi incarichi che non permette a un manager di sedere in più di due board nel caso in cui uno dei due incarichi sia operativo, come lo è la vicepresidenza di Vivendì (colosso media francese), carica ricoperta appunto da Bollorè.

generali (9)

Secondo alcune indiscrezioni, il finanziere bretone, che ha anche in portafoglio piccole quote del capitale della compagnia assicurativa, avrebbe pure colto la palla al balzo per riuscire a ritagliarsi più spazio da dedicare alle altre sue avventure imprenditoriali.

Non è ancora chiaro quando avverrà la promozione di Rebecchini, che in Mediobanca è anche il responsabile della importantissima divisione Principal Investing, di cui fa parte il pesante 13,27% (da ridurre al 10% nel corso del triennio, secondo il piano industriale di Piazzetta Cuccia) di Generali.

Non dovrebbe avvenire durante il prossimo consiglio di amministrazione del Leone, in agenda per il 5 novembre, anche perché le Generali dovranno cooptare nel board un altro consigliere per ricoprire la poltrona che Rebecchini lascerà a sua volta vuota a valle.

Per l'altro posto vacante, eempre secondo quanto risulta ad Affari, Mediobanca e Generali sarebbero orientate a scegliere un imprenditore di respiro internazionale, proprio com'è Bollorè, industriale che dovrebbe andare bene a tutti gli altri componenti del consiglio, ma sulla cui nomina la parola finale spetterà al finanziere bretone.

 

Tags:
rebecchinigeneralibollorèmediobanca
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Peugeot presenta la 208 nell’allestimento Like

Peugeot presenta la 208 nell’allestimento Like

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.