A- A+
Economia
Robinson cacciato da Armani Exchange. "Ha copiato un braccialetto"

L'annuncio dell'uscita aveva già fatto rumore qualche ora fa, ma ora l'emergere dei dettagli rischia di far montare il caso ancora di più.  Patrick Robinson, direttore creativo di Armani Exchange, è stato infatti licenziato dalla maison italiana sembra a causa di un braccialetto.

Secondo indiscrezioni, lo stilista avrebbe disegnato un braccialetto troppo simile a quello già realizzato da  David Yurman. Si tratta del "torc", il monile realizzato con proiettili e pistole donati dalla polizia i cui proventi sono destinati all'associazione benefica Liberty United International.

In realtà, precisano i bene informati, il braccialetto sarebbe stata solo (è il caso di dirlo) la pistola fumante, che ha portato all'uscita del fashio designer. La causa principale sarebbe infatti l'insuccesso della sua collezione, che avrebbe molto deluso nelle vendite.

Robinson, stilista molto amato da Anna Wintour, era arrivato in Armani dopo un'esperianza in Gap (2007-2011), società che aveva dovuto lasciare proprio a causa del flop delle vendite. Prima aveva lavorato per Perry Ellis, Anne Klein e Paco Rabanne.

Tags:
patrick robinsonarmani exchangearmani

i più visti

casa, immobiliare
motori
Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

Lancia firma il suo primo monopattino elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.